thumbnail Ciao,

Il tecnico del Chelsea, Josè Mourinho, non ha preso bene la decisione della FA di non concere l'anticipo del match di Anfled: "La mia priorità è la Champions". E il City s'infuria.

Provocatorio, dissacrante, ma ciò che più conta, anche e soprattutto calcolatore e pragmatico. Josè Mourinho è al centro di aspre polemiche in terra d'Albione. Domenica il suo Chelsea, nella terzultima giornata di Premier League andrà a fare visita al Liverpool capolista. I Reds hanno 5 punti di vantaggio sui Blues e 6 sul Manchester City (che però ha una partita da recuperare).

Ma chi penserà di assistere al match della vita, forse rischierà di rimanere deluso. Mourinho infatti, concentrato più sulla Champions che su una Premier che ritiene ormai di aver perso dopo il ko interno (e le mille polemiche dello scorso weekend contro il Sunderland) potrebbe decidere di schierare un undici 'farsa' fatto di seconde e terze linee.

"La mia priorità è la Champions - ha dichiarato Mourinho - e penso che a Liverpool schiererò i ragazzi anche se non dipende da me. Devo Parlare con Abramovich. Del Resto, anche se siamo l'unica squadra inglese nelle coppe, nessuno ci ha permesso di anticipare il match di domenica. E' folle. Quindi adesso cosa vogliono tutti?".

Parole che hanno mandato su tutte le furie il Manchester City che evidentemente crede ancora nel titolo, ma senza l'aiutino indiretto del Chelsea, il Premier andrà quasi certamente al Liverpool. Insomma, ad Anfield, non saranno assenti solo gli infortunati Cech, Terry e Lampard e lo squalificato Obi Mikel. Mou terrà a riposo altri titolari. Simeone incombe col suo Atletico e il portoghese non vuole sprecare energie.

 

Get Adobe Flash player

 

Sullo stesso argomento