thumbnail Ciao,

Il 34enne difensore centrale del Manchester United avvisa i compagni: "La stagione è ancora lunga, avanti così". E poi elogia Van Persie: "Segna e aiuta la squadra. E' fantastico!

E' stato un fine 2012 e un inizio 2013 niente male quello del Manchester United che con tre successi di fila in una settimana (ultimo il perentorio 4-0 nella tana del Wigan) ha permesso ai 'Red Devils' di confermarsi sempre più padroni della Premier Legue con ben 7 punti di vantaggio sui cugini del Manchester City.

Ma a mantenere la concentrazione in casa United ci pensa il veterano Rio Ferdinand, ricordando il folle epilogo dello scorso anno quando Rooney e soci dilapidarono 8 punti di vantaggio nelle 6 gare finali, regalando il titolo ai rivali dei Citizens.

"Lo scorso anno fu qualcosa di inedito visto che loro, per la prima volta lottavano con noi per il titolo - ha ammesso Ferdinand - Quest'anno non dobbiamo ripetere l'errore ma continuare a fare quello che stiamo facendo per spuntarla. Non dobbiamo guardare gli altri. Dobbiamo solo pensare ai noi stessi".

Il 34enne difensore ha inoltre elogiato il compagno Robin Van Persie, che con i suoi 16 goal in Premier sta letteralmente trascinando i suoi. "E' un giocatore importante per noi. - ha continuato Ferdinand - Alex Ferguson ha visto il lui doti importante e lo ha inserito subito come obiettivo dello scorso mercato estivo".

Un Van Persie cecchino infallibile ma anche utile pedina tattica come ammette Ferdinand: "Robin sta facendo quello per cui è stato acquistato. Non solo fa goal ma tiene palla, fa salire la squadra. Insomma fa un lavoro fantastico".

Ma con tutto un girone di ritorno da giocare e l'impegno psico-fisico della Champions League, Ferdinand sa bene quanto sia importante non dormire sugli allori: "La stagione non è ancora finita - ha concluso il grintoso centrale - e non abbiamo ancora vinto niente. Non montiamoci la testa. Finora abbiamo fatto un ottimo lavoro, ma dobbiamo ancora concluderlo al meglio".

Sullo stesso argomento