thumbnail Ciao,

La società si è consultata con i propri giocatori e con i genitori del ragazzo prima di prendere la decisione definitiva. Intanto il centrocampista continua a migliorare.

Nonostante il dramma vissuto per quanto accaduto al giovane centrocampista Fabrice Muamba, colpito da un collasso al 41’ del primo tempo nel corso della sfida di Fa Cup contro il Tottenham, sabato il Bolton giocherà regolarmente il proprio match di Premier League contro il Blackburn Rovers.

Lo ha annunciato il tecnico degli Wanderers dopo aver sentito la famiglia del centrocampista. “Abbiamo parlato con i giocatori questa mattina, – ha spiegato l’allenatore – e ieri ho consultato i familiari di Fabrice. Il padre Marcel e la fidanzata Shauna vogliono che rispettiamo i nostri impegni. Quando i giocatori lo hanno saputo, non c’erano più dubbi sul fatto che avremmo giocato”.

Le condizioni del centrocampista sono comunque in lento miglioramento. Il suo cuore batte autonomamente e il giocatore da ieri ha ripreso conoscenza e parla regolarmente.

A trovare in ospedale il calciatore del Bolton è arrivato anche Thierry Henry. Nulla di strano, se non il fatto che il calciatore ex Arsenal e oggi ai New York Red Bulls per andare a trovare, solo per poco più di un'ora, lo sfortunato calciatore dei Wanderers e la sua famiglia, ha preso l'aereo ed è volato a Londra.

Dopo aver giocato coi Red Bulls la partita contro il Real Salt Lake City domenica notte, infatti, Henry si è imbarcato in un volo di linea percorrendo circa 5 mila miglia per andare a trovare Muamba, giocatore col quale Henry aveva parlato al telefono solo una settimana prima del match col Tottenham che ha cambiato la vita al giovane zairese.

Vita che sabato pomeriggio aveva addirittura lasciato il corpo di Muamba, secondo quanto ha affermato il medico del Bolton, Jonathan Tobin ai microfoni della BBC. "Per 78 minuti - ha detto Tobin - Fabrice Muamba era clinicamente morto. Il recupero al quale stiamo assistendo è qualcosa di incredibile".


Sullo stesso argomento