thumbnail Ciao,

Il trequartista dei Galletti è nel mirino di tre grandi come Inter, Roma e Milan: "Duettare con Cassano, Totti e Balotelli sarebbe un sogno, ma non è detto che non accada...".

Un grande campionato di Serie B, con finora 22 presenze e 6 goal, sono valse a Nicola Bellomo l'interesse dei grandi club di A. Se lo contendono Inter, Roma e Milan, il trequartista del Bari sogna il grande salto nella massima serie nella prossima stagione, dopo esserci stato molto vicino a gennaio, ma al momento è concentrato su un unico obiettivo: la salvezza con i pugliesi.

"Non ho preferenze - assicura il talento in un'intervista esclusiva al 'Corriere dello Sport' - l’importante è approdare in A. Non ho smesso di sperarci e continuerò a lavorare per questo obiettivo. Ma nella testa ora ho il Bari e niente altro. Voglio rassicurare tutti: non ci sono delusioni da smaltire. Duettare con Cassano, Totti e Balotelli sarebbe bellissimi, e non è detto che non possa accadere in futuro".

Per il momento, comunque, massima concentrazione sul campionato cadetto. "La testa è qui poi a giugno vedremo. Certo ci ho sperato, ma è andata così. Ringrazio la società, il mio procuratore Davide Lippi, il direttore Angelozzi. So che hanno fatto tutto per il mio bene".

"Sono motivatissimo.
- ha poi sottolineato - Sapevo dall’inizio che sarebbe stato difficile. La penalizzazione si fa sentire. Questa squadra è giovane, la più giovane di B, ma ha anche valori forti e qualità. Oltre a un bravissimo allenatore come Torrente. Gli devo molto, come a Conte che mi ha fatto esordire in B. Resto fiducioso e ottimista".

Grazie ai suoi goal e alle sue giocate di classe il Bari, squadra della sua città, potrebbe conquistare una preziosa salvezza. "Ai tifosi prometto che metterò in campo tutto me stesso per la salvezza. - ha detto - Poi mi piacerebbe che Bari tornasse in A. Lo merita, è una grande città che ha dato tantissimo al calcio italiano. La Serie B non è il suo posto".

"Darò il massimo come ogni volta.
- ha garantito Bellomo - Arrivano due partite fondamentali. Ma bisogna fare tutti di più e non sbagliare. Possiamo tirarci fuori dai guai e poi divertirci ancora. Io sono a disposizione di tutti. Finora ho fatto 6 goal, giocando da trequartista, non sono pochi. Ma è ovvio che si può sempre fare di più".

Sullo stesso argomento