thumbnail Ciao,

Il tecnico dei toscani mette in guardia i suoi dalla Juve Stabia: "Per noi è più facile affrontare squadre che lasciano giocare, sarà un test duro ed indicativo".

Guai a cullarsi sulla vittoria contro il Sassuolo. E' questo l'imperativo di Davide Nicola, che col suo Livorno si appresta ad affrontare la Juve Stabia nell'ultima partita del girone d'andata. Ecco come il tecnico ha analizzato il match alla vigilia.

“Non abbiamo tempo per ricordarci della partita contro il Sassuolo, quindi dimentichiamola subito - ha detto in conferenza stampa - La Juve Stabia è squadra molto fisica e battagliera, che basa molto del proprio gioco sulle ripartenze con i lanci a cercare i tanti attaccanti forti che hanno davanti ed inoltre sono molto bravi nelle situazioni di cosiddetta palla morta o seconda palla".

L'impostazione della gara sarà quindi completamente diversa, inoltre pesano le assenze di Paulinho e Luci: "Noi preferiamo affrontare squadre molto tecniche come il Sassuolo, che giocano e lasciano giocare. Sarà un’ulteriore occasione per valutare la bontà della rosa e la nostra capacità di saperci adattare alle diverse situazioni".

Nicola non esalta nessuno in particolare, puntando sul concetto di squadra: "Troppo facile fare il nome di questo o di quel giocatore, per me il vero emblema di questa squadra sono gli scatti di chi sta in panchina quando facciamo gol.”


Sullo stesso argomento