thumbnail Ciao,

Parla ai microfoni di Sky Sport24 l'ex ds della Juventus Alessio Secco: "Quest'anno la Juve ha i favori del pronostico". E sulla nazionale: "Prandelli preoccupato? Non mi pare".

Alessio Secco dopo le dimissioni nel 2010 dalla Juventus, dove ricopriva l'incarico di direttore tecnico, ha voluto ricominciare da una delle piazze più importanti della Serie B, cioè Modena. Intervistato da Sky Sport24, ammette:"Lavorare in una città come questa è bello, c'è  tradizione e un'alta qualità della vita. La squadra e la società sono cambiate completamente. Abbiamo lavorato molto e ci siamo impegnati tanto, quindi aspettiamo il verdetto del campo".

Non si demoralizza quando gli chiedono della sconfitta contro il Varese: "Dopo un buon primo tempo, abbiamo subito un rigore e un'espulsione. Nonostante tutto, però, siamo riusciti a pareggiare, ma il goal sul finire ci ha puniti. Capita, questo è il calcio".

Immancabile qualche battuta sulla squadra che lo ha lanciato nel mondo dirigenziale, la Juventus: "Nell'ultima stagione è stata dimostrata tutta la bontà del lavoro della società e - prosegue - anche quest'anno ci sono i favori del pronostico, visto il valore complessivo della squadra, che è superiore a quello delle concorrenti. Ci potrà essere qualche disturbo, ma ci sono tutte le possibilità per fare un campionato di alto livello".

Chiusura su Conte: "La sua attuale carica vale quella intera dei suoi colleghi. Me lo immagino come un leone in gabbia, ma penso che durante gli allenamenti riesca lo stesso a trasmettere le proprie motivazioni ai giocatori".

Sulla nazionale di Cesare Prandelli poi... "E' stato bello rivedere tanti giocatori della Juventus in azzurro - ha detto Secco - Lo stesso vale per la scelta della Federazione di tornare a giocare in Emilia. Davvero un gesto di grande sensibilità. Prandelli preoccupato? No, è solare come sempre".

Sullo stesso argomento