thumbnail Ciao,

Modena-Varese 1-2: I lombardi espugnano il 'Braglia' a tempo scaduto e volano in testa

La rete allo scadere del centrocampista ivoriano consente alla compagine di Castori di centrare il terzo successo in altrettante giornate: in goal Ebagua, Stanco e Kone al 94'.

Finale al fulmicotone al 'Braglia', dove il Varese supera in extremis il Modena nel primo anticipo della terza giornata di Serie B. Kone tarpa le ali ai canarini convinti di essere riusciti a portare a casa un punto preziosissimo. Partita giocata molto a centrocampo, con poche occasioni da goal, risolta da episodi. Sblocca il risultato Ebagua su rigore, Stanco pareggia e Kone chiude i conti.

FORMAZIONI - In porta per il Modena Manfredini al posto di Colombi impegnato con l'under 21,a centrocampo recupera Dalla Bona, in avanti Ardemagni, Surraco e Greco. Il Varese si presenta senza il nazionale Kink sostituito da Nardevic, Fiamozzi in campo al posto di Pucino squalificato.

PRIMO TEMPO - Venti minuti giocati ad alta intensità poi tanta noia, con poche occasioni e per di più neanche così pericolose. Il Modena parte in quadra con Surraco che tenta immediatamente l'affondo pochi secondi dopo il fischio iniziale, mala difesa di Castori non si lascia sorprendere.

Bressan passa alcuni minuti di fuoco, prima su punizione di Dalla Bona poi in un batti e ribatti in area a cui il portiere biancorosso si oppone con una prontezza di riflessi degna di nota. La partita viene giocata prevalentemente a centrocampo dove non vengono risparmiati colpi duri e scorrettezze.

Il Varese la butta sulla fisicità, il Modena usa il fosforo di Dalla Bona. Di Nadarevic l'unica vera occasione da goal dei biancorossi e di Ardemagni quella per il Modena allo scadere del tempo.

SECONDO TEMPO - Il Varese torna in campo molto più aggressivo rispetto alla prima fase di gioco. Sui piedi di Eusepi la prima occasione pericolosa, Manfredini respinge con i pugni. Pochi istanti dopo Eusepi lascia il posto a Ebagua. Anche Marcolin fa il primo cambio: Greco esce ed entra Lazarevic.

Nel frattempo Surraco mette il turbo e costringe Corti ad un fallo che potrebbe costargli molto più del giallo. Neto si lamenta di non essere seguito e servito a sufficienza dai compagni. Al 22' Zoboli atterra Kone in area. L'arbitro non ha esitazioni nell'espellere il difensore canarino con rosso diretto e indicare il dischetto del rigore. Si incarica dell'esecuzione Ebagua, contestato dalla propria tifoseria, ma ricoperto dall'affetto dei compagni dopo aver superato di potenza Manfredini.

La partita si innervosisce e fioccano le ammonizioni. Girandola di cambi, sale la tensione anche sugli spalti dove i dirigenti varesini vengono insultati dal pubblico modenese in modo davvero incivile. E in questo clima surriscaldato il Modena riesce a pareggiare con il neo entrato Stanco che in velocità sorprende tutti nella mischia e la mette nell'angolino dove Bressan non riesce ad arrivare. Ancora una volta subentra e segna.

Il ritmo cala vistosamente di intensità  ma non di agonismo: continuano i colpi proibiti tanto che anche Marcolin si vede costretto a far notare ai giocatori avversari le loro scorrettezze. E ad un soffio dal triplice fischio il Varese trova la stoccata vincente con Kone su cross di Neto. Ammutoliti i canarini convinti di aver portato a casa un punto prezioso.

LA CHIAVE - Modena beffato all'ultimo secondo dopo aver giocato una partita ordinata e propositiva. Il Varese capitalizza al massimo le occasioni che gli capitano.

MOVIOLA - Brutto fallo di Fiammozzi su Surraco che il direttore di gara Mariani decide di non sanzionare. Il direttore di gara adotta un metro di giudizio molto inglese e sorvola su parecchi interventi scorretti. Nadarevic viene graziato dopo aver stoppata la palla con la mano. Espulsione e rigore senza ombre.

Sullo stesso argomento