thumbnail Ciao,

Il pari con l'Armenia è deleterio, anche se bisognerà attendere le partite del girone sudamericano. Sarebbe la prima volta che la nostra nazionale non entra nelle magnifiche 8.

Oltre alla figuraccia di un pareggio interno con la modesta Armenia, la beffa azzurra è la probabile mancata inclusione dell'Italia nelle 8 teste di serie dei Mondiali. Per la prima volta nella storia. Un record al contrario, per una nazionale che - ironia della sorte - ha conquistato il pass brasiliano con due giornate d'anticipo.

Ora, è improbabile che Prandelli e i suoi ragazzi stiano svegli fino alle 3.30 per seguirsi attraverso un pc l'andamento dell'ultimo turno del girone sudamericano. Però, a ben vedere, è proprio quello che dovrebbero fare, visto che proprio laggiù verrà determinata l'inclusione o meno dell'Italia tra le magnifiche 8.

Basta infatti che una tra Colombia e Uruguay vinca, per far scalare gli Azzurri in seconda fascia. Anche se l'eventualità non è scontata: i cafeteros giocano in Paraguay, contro una formazione estromessa da tempo ma pur sempre in trasferta; mentre i charrua affrontano l'Argentina capolista del girone. In caso di vittoria di entrambe, anche l'Olanda (ottava) sarebbe superata.

Al momento le altre teste di serie sono il Brasile padrone di casa, e poi la Spagna, l'Argentina, la Germania, il Belgio e la Svizzera. L'Italia, nel caso vincano Colombia e Uruguay, non farebbe dunque parte per la prima volta nella storia - non contando il 1970, in cui fu tolta la prima fascia - dell'élite delle qualificate.

Chi non si preoccupa, almeno apparentemente, è Cesare Prandelli: "Nemmeno agli ultimi Europei eravamo teste di serie. Non sono preoccupato" le sue parole nel post partita del San Paolo. Ma è un segnale, l'ennesimo, che lo splendore italiano fa parte ormai di un tempo passato.

Sullo stesso argomento