thumbnail Ciao,

Il ministro per l'Integrazione ieri ha salutato la Nazionale azzurra a Torino per parlare di razzismo, tema che sta a cuore al milanista, ma lui non c'era. Poi le scuse via sms...

I goal della Serie A sul tuo smartphone, all'istante! Scopri GoalFlash

Ieri mattina era probabilmente il giocatore più atteso all'incontro fra il ministro per l'Integrazione Cecile Kyenge e la Nazionale azzurra, tanto più che alla sua nomina l'attaccante del Milan aveva voluto inviarli i complimenti personali attraverso il sito ufficiale rossonero, e che la stessa parlamentare si era schierata dalla parte del giocatore quando quest'ultimo era stato vittima di insulti razzisti negli stadi.

Proprio di razzismo, nel calcio e non solo, e di come sconfiggerlo, il ministro era venuto a parlare ai ragazzi di Prandelli, ma Mario Balotelli, incredibilmente, a quell'incontro non si è presentato, preferendo restare a dormire mentre al piano di sotto la Kyenge, in un elegante sala dell'albergo Principe di Piemonte a Torino, citava Martin Luther King e parlava del contributo che la Nazionale di calcio può dare per sconfiggere questa piaga.

All'incontro si è presentata infatti solo una piccola delegazione, composta dal presidente federale Giancarlo Abete, dal capitano Gigi Buffon e da altri 5 componenti della squadra: El Shaarawy, Maggio, Ogbonna, Chiellini e Candreva, che le hanno anche regalato le loro maglie (quela del portiere peraltro autografata da tutti i giocatori). Ma lui, il simbolo di questa Nazionale, e della stessa lotta del mondo del calcio contro il razzismo, non c'era.

Un'assenza che ha messo in imbarazzo, e non poco, la stessa Figc, che per mascherare la 'gaffe' si è affannata a ribadire la natura privata e informale dell'incontro (ma ministro e ct erano insieme a un tavolo da conferenza), ricordando che Balotelli invece aveva salutato la Kyenge a maggio a Bologna, prima del match contro San Marino, e nell'occasione le aveva donato la sua maglietta.

La Kyenge, interrogata sul tema dai giornalisti al termine dell'incontro, ha preferito glissare: "Non era importante parlare ai singoli ma alla squadra", ha detto, ma Balotelli, con la sua dormita, ne ha combinato un'altra delle sue. Salvo poi scusarsi via sms...

Sullo stesso argomento