thumbnail Ciao,

Il portiere azzurro ha anche evidenziato i miglioramenti sotto il profilo comportamentale della punta del Milan: "In campo ha dei comportamenti irreprensibili".

Gigi Buffon a La Valletta è stato decisivo, parando a Mifsud il rigore che poteva valere l'1-1 per Malta. Il portierone dell'Italia, che oggi ha festeggiato la 126ª in azzurro, intervenuto nel post partita ai microfoni di 'Rai Sport', ha voluto sottolineare la prestazione di Mario Balotelli.

"In campo ha dei comportamenti irrepprensibili, - ha sottolineato - e questo ci fa tanto piacere ma mi interessa relativamente, così come mi interessa poco quello che fa fuori dal campo. A me interessa che abbia disponibilità e sacrificio quando si gioca e questo lo ha sempre dimostrato".

Anche stasera SuperMario è risultato determinante firmando due reti. "Adesso sta giocando con costanza e continuità - ha sottolineato il giocatore della Juventus - cosa che forse non aveva mai fatto nella sua carriera".

Poi sulle sue presenze in azzurro: "Se riesco a reggere psicologicamente e fisicamente - ha detto - spero di poter collezionare ancora molte presenze con la maglia della Nazionale".

E sul rigore parato a Mifsud spiega: "Ho cercato di stare fermo fino alla fine per poi tuffarmi all'ultimo momento. La conclusione era forte ma non era angolatissima e mi è andata bene".

L'Italia è basata sui due blocchi di Juventus e Milan, per Buffon il ct non può fare diversamente: "E' una scelta quasi obbligata in questo momento, - ha commentato il portiere azzurro - Milan e Juventus sono composte in molti elementi da calciatori italiani".

Infine sul sogno Champions, con la Juventus che nei quarti di finale affronterà il Bayern Monaco: "Non pensavo che in Champions League saremmo andati così avanti. - ha ammesso - Ero consapevole che non siamo una squadra facile da battere, ma arrivare ai quarti di finale era fuori dalle mie previsioni. La dimensione della nostra forza l'avremo alla fine della gara contro il Bayern Monaco. In ogni caso essere tra le prime otto d'Europa ci conferma che la strada che abbiamo intrapreso è quella giusta".

Sullo stesso argomento