thumbnail Ciao,

Il ct azzurro si prende i tre punti ma ammette che la prova dei suoi non è stata particolarmente esaltante. Promossi il portiere e il bomber, decisivo con la sua doppietta.

"Dovevamo essere più veloci". Cesare Prandelli non si nasconde: l'Italia di Malta non è stata di certo trascendentale. Sono arrivati i tre punti, e Balotelli ha segnato ancora (due volte, una dal dischetto), ma gli azzurri possono e devono fare di più.

"Facciamo fatica contro le squadre che si chiudono, dobbiamo diventare più bravi - ha ammesso il ct azzurro ai microfoni della 'Rai' - Sapevamo di non trovare spazi, abbiamo avuto alcune difficoltà ma siamo riusciti sempre a mantenere il possesso palla. Quello che contava, comunque, era la vittoria, anche se in certi frangenti ho visto troppa distanza tra i reparti. Ci è mancata un po' di intensità in fase conclusiva".

Dopo il bel pari colto contro il Brasile è arrivato un successo che, tutto sommato, soddisfa Prandelli nella corsa verso i Mondiali: "Possiamo essere sicuramente contenti per i tre punti di stasera".

Non manca una disamina sui singoli: "Buffon è stato molto bravo a parare quel rigore, era un momento particolare per noi. Balotelli? Mantenga sempre l'equilibrio, stasera è stato provocato ma non ha mai perso la concentrazione, continui così".

Sulla classifica: "E' buona, l'ho vista, ma dobbiamo continuare a stare attenti. Basta una partita sbagliata a rimettere tutto in gioco. Spero di arrivare a giugno con tutti i giocatori a posto, e non troppa stanchezza per il finale di stagione. Ci si mette poco a rovinare tutto con una partita: voglio ottenere la qualificazione più in fretta possibile, e poi faremo belle cose".

Sullo stesso argomento