thumbnail Ciao,

L'Inter, che balbetta in campionato, si gode i tanti prodotti del vivaio, da Caldirola a Longo. Intanto Donati si candida alla successione dell'eterno capitan Zanetti.

Dopo i tre Scudetti conquistati la scorsa stagione a livello giovanile (Primavera, Beretti e Giovanissimi), il vivaio dell’ Inter si consola con le tantissime convocazioni figlie dell'ottimo lavoro svolto dagli scout nerazzurri.

Ben sette infatti i rappresentanti della cantera Inter convocati da Devis Mangia per il doppio impegno amichevole che attende la sua Under 21. Bardi, Donati, Caldirola, Bianchetti, Biraghi, Longo e Santon: questi i fulgidi frutti del vivaio nerazzurro approdati in Nazionale.

In casa Inter non mancano poi altre convocazioni eccellenti, da Alborno, reduce dal Sudamericano Under 20 con il Paraguay, fino a Pasa, Garritano e Benassi, fiori all'occhiello dell'Under 19 azzurra. Senza dimenticare Smug, Bocar e Olsen, rispettivamente convocati da Polonia, Portogallo e Danimarca. Con l’Under 17 azzurra spazio anche per Sciacca, Di Marco, Palazzi e Bonazzoli.

Ben tredici poi i ragazzini già svezzati dalle abili mani di Stramaccioni. Dai già pronti Kovacic e Juan Jesus,  fino ai vari Pasa, Bandini, Benassi, Duncan, Mbaye, Donkor, Garritano, Romanò, Belec, Livaja e Longo. Tutti convocati e scesi in campo almeno per qualche minuto.

Intanto, in ottica ringiovanimento dell'attuale rosa nerazzurra, l'Inter segue con attenzione le prestazioni di Giulio Donati, terzino classe 90', attualmente in prestito al Grosseto e che potrebbe rappresentare un'ottima soluzione interna per il dopo Zanetti. Occhio infine anche a Cristiano Biraghi , mancino, esterno della difesa del Cittadella, che sta mettendosi in luce a furia di ottime prestazione nella serie cadetta.

Sullo stesso argomento