thumbnail Ciao,

L'attaccante della Fiorentina è tornato a vestire l'azzurro dopo diverso tempo ed è soddisfatto della sua prestazione nell'amichevole con l'Olanda.

L'Italia torna dall'Olanda con un pareggio per 1-1 rimediato in amichevole contro gli Orange, per Alberto Gilardino, subentrato nel secondo tempo, un risultato da accogliere positivamente, considerata la 'giovinezza' di questa nazionale azzurra.

"Questa Italia è più giovane di quella del 2006 - ha commentato Gilardino ai microfoni di Rai Sport, ricordando la nazionale di Lippi campione del Mondo in Germania di cui anch'egli faceva parte - In prospettiva è senz'altro un'Italia positiva. Questa sera abbiamo affrontato un'ottima Olanda e siamo riusciti ad acciuffare un pareggio che sembrava ormai molto difficile da raggiungere".

Un pareggio che avrebbe potuto essere qualcosa di più secondo l'attaccante della Fiorentina... "Se avessimo spinto di più forse avremmo potuto anche vincere - ha detto Gilardino - Per quanto mi riguarda, sono molto felice di essere tornato in nazionale, perchè era da tanto che non giocavo in azzurro. E sono felice anche di come ho giocato i miei 20 minuti. Ho dato una mano alla squadra e fatto l'assist per Verratti".

"Per me questa è una maglia importante e lo sarà sempre - ha detto ancora l'attaccante - Forse l'approccio alla partita oggi non è stato dei migliori, ma la nazionale di Lippi era più rodata, qui invece ci sono più ragazzi di talento e prospettiva. Quindi serve pazienza, ma sono certo che alla Confederations Cup vedremo un'Italia migliore".

Sullo stesso argomento