thumbnail Ciao,

ESCLUSIVA - Il bomber dell'Atletico Madrid ha parlato delle sue aspettative: "La mia voglia è la stessa di quando non giocavo in Europa. La nomination è frutto del duro lavoro".


'El Tigre', Radamel Falcao, è per molti il miglior attaccante del mondo. Il bomber dell'Atletico Madrid è sempre più l'oggetto del desiderio delle grandi d'Europa, ma nonostante la fama e la nomination per il Pallone d'Oro, il 'delantero' colombiano ricorda da dove è partito e  non ha intenzione di montarsi la testa.

"Io la prendo alla leggera - ha esordio Falcao ai microfoni di Goal.com - Non penso al momento che sto vivendo, le mie ambizioni restano intatte. Ho gli stessi desideri e la stessa volonta di quando non giocavo in Europa. Non sono cambiato, evito di esercitare ulteriori pressioni su di me".

E alla domanda sulla competizione con altri grandi giocatori, come Messi e Cristiano Ronaldo, risponde così: "Non penso costantemente alla competizione con gli altri calciatori, dormo bene, credetemi - scherza il colombiano - . Sono felice ed orgoglioso della nomina al Pallone d'Oro, riflette tutti gli anni di duro lavoro. Significato molto per me, perchè ho lavorato sodo per rendere importante l'Atletico Madrid".

"Devo però ringrazie in primis i miei compagni di squadra - continua Falcao - e poi i colleghi ed i dirigenti che mi hanno inserito nella lista dei migliori al mondo. E' un onore per me essere tra gli attaccanti migliori al mondo". 'El Tigre' ha trascinato i Colchoneros alla vittoria dell'Europa League (da capocannoniere con 12 goal) ed ha conquistato praticamente da solo la Supercoppa Europea stendendo il Chelsea con una tripletta.

E sonon proprio i Blues quelli che più di tutti farebbero pazzie per averlo. Dall'Inghilterra sono convinti che già a gennaio Falcao potrebbe prendere la strada di Londra. Per lui sono pronti  48 milioni di sterline...

Sullo stesso argomento