thumbnail Ciao,

Nel 1998 i bianconeri non si presentarono alla premiazione dopo la sconfitta per 2-1 contro la Lazio: allora decise Conceicano dopo le reti di Del Piero e Nedved.

Juventus sotto accusa per l'arbitraggio di Mazzoleni, Napoli sotto accusa per aver disertato la premiazione dopo la vittoria bianconera nella Supercoppa Italiana. Tutti contro tutti, il calcio ufficiale italiano è tornato. E c'è chi, dalle parti azzurre, ricorda un precedente.

29 agosto 1998, la Serie A è in cima al mondo. Tutti vogliono il campionato tricolore, tutti sognano di giocare in una delle sette sorelle. A Torino si sfidano i bianconeri di Marcello Lippi e la Lazio di Sven-Goran Eriksson. Tantissime le stelle in campo.

Il match, e la Supercoppa Italiana, verrà vinto dai capitolini per 2-1 grazie alla rete di Sergio Conceicao nei minuti di recupero (dopo il goal iniziale di Nedved in versione biancoceleste e il rigore di Del Piero all'87'. Inzaghi verrà espulso per doppia ammonizione).

I piemontesi, però, non si presentarono alla premiazione in casa propria, con appena sei giocatori a presidiare (dopo la forzatura degli addetti) e salvare così le apparenze. Due storie, due occasioni diverse. Di certo in entrambe le occasioni non un bel gesto.

Sullo stesso argomento