thumbnail Ciao,

Il fratello dell'attaccante del City colpì gli ufficiali in un bar del Bresciano, e ora dovrà pagare anche 2850 euro di risarcimento. La pena è stata sospesa per un anno.

Le turbolenze paiono essere nel dna della famiglia Balotelli. E così, oltre alle peripezie extracampo dell'irrequieto Mario, in procinto di lasciare l'Inghilterra per tornare in Italia, a fare notizia sono anche i problemi con la giustizia del fratello Enoch.

Il ragazzo, 19 anni, si è visto infliggere oggi una condanna a quattro mesi di reclusione per violenza e resistenza a pubblico ufficiale. I fatti risalgono alla notte tra il 22 e il 23 dicembre dello scorso anno, quando il fratello d'arte aggredì tre carabinieri a Bagnolo Mello, nel Bresciano.

Quella notte gli ufficiali intervenirono in un bar del paese per sedare una rissa, trovando il ragazzo (che milita in serie D, nei liguri del Bogliasco, ed è passato pure per Gubbio e Stoke City) scalzo e a petto nudo su un tavolo. Questi li aggredì a calci e pugni, venendo poi fermato da altri agenti.

Oltre alla pena, sospesa comunque dal Tribunale di Brescia per un anno, Enoch Balotelli dovrà pagare le spese di risarcimento ai carabinieri (uno di questi riportò ferite guaribili in 25 giorni) per un valore complessivo di 2850 euro. Su Facebook, il calciatore ha postato un commento dopo aver appreso la sua condanna: "Come sto bene adesso che è finito!!"

Sullo stesso argomento