thumbnail Ciao,

Cesare Prandelli ha deciso di ascoltare Antonio Conte concedendo una seduta defaticante a Chiellini, Barzagli, Pirlo, Giovinco e Marchisio. Non mancano però le polemiche.

La Nazionale è stata ultimamente definita Ital-Juve. Lecito, considerando gli 8 giocatori della Juventus presenti all'interno della rosa di Cesare Prandelli, un numero che ad Antonio Conte avrà suscitato sensazioni contrastanti. Da una parte tanta, tanta soddisfazione, ma dall'altra sicuramente la preoccupazione di vedere i propri giocatori disputare partite ogni tre giorni, considerando campionato, Champions e nazionale.

Per questo motivo il tecnico bianconero si è voluto tutelare chiedendo a Prandelli di preservare, per quanto possibile, almeno i suoi giocatori reduci da 90' minuti a Siena. Così, ieri mattina, sui prati del Centro Tecnico di Coverciano è stato possibile vedere Chiellini, Barzagli, Pirlo, Marchisio e Giovinco effettuare una seduta defaticante.

Non tutti i bianconeri però hanno lavorato a parte, soltanto quelli che hanno giocato tutta la partita a Siena. Giaccherini, impiegato nel secondo tempo contro i toscani, ha svolto l'allenamento insieme ai suoi compagni di nazionale, tra i quali vi sono anche De Sanctis e Maggio.

La vicenda, svela 'Repubblica', ha creato un certo 'fastidio' a Napoli, dove la situazione è stata interpretata come un favoritismo per i campioni d'Italia, proprio alla vigilia dell'attesissimo big match tra le due squadre capoliste, in programma dopo la sosta.

Il Napoli peraltro è stato 'costretto' a lasciar partire ben 13 giocatori in ogni parte del globo, dall'Argentina alla Svezia. Lo staff medico partenopeo monitorerà giorno per giorno la situazione dei suoi calciatori, invitati a non sottovalutare nessun tipo di problema fisico.

Cesare Prandelli sa benissimo cosa vuol dire avere giocatori sparsi per il mondo: sino a un paio di anni fa era lui stesso un allenatore di club, e conosce dubbi, perplessità e paure dei suoi colleghi. Per questo motivo ha deciso di stringere questa collaborazione ancora più forte con i club, partendo proprio dalla Juventus, la squadra che fornisce lo zoccolo duro alla nazionale italiana.

Sullo stesso argomento