thumbnail Ciao,

Per la gara di venerdì, Prandelli vuole schierare più avanti il giocatore del PSG, per permetterne la coesistenza con Pirlo: "Cercherò di dare risposte al mister in allenamento".

Ricordate Roberto Baggio e Andrea Pirlo? Dodici anni fa giocavano entrambi fantasisti, e Carletto Mazzone pensò bene di arretrare il centrocampista originario di Brescia per farli coesistere nelle 'Rondinelle'. Ora, un esperimento al contrario potrebbe accadere con Marco Verratti. E il bello è che di mezzo c'è sempre Pirlo.

Contro l'Armenia, venerdì, Cesare Prandelli potrebbe infatti schierare il talento tascabile del PSG qualche metro più avanti, sulla trequarti, in modo da permettere la coesistenza con lo juventino. Un problema? Ma no: "Pur di stare in nazionale giocherei anche in porta" afferma Verratti in conferenza stampa a Coverciano.

"In questi giorni - continua Verratti - seguirò le indicazioni del mister e cercherò di dargli delle risposte in allenamento. So bene che a 19 anni non capita a tutti di far parte della nazionale italiana. Per cui voglio a tutti i costi ripagare la fiducia che Prandelli ripone in me".

Quel che è certo è che per l'ex Pescara l'esperienza francese è iniziata come meglio non avrebbe potuto. "E' una grande soddisfazione sentire che cantano il mio nome, ma devo confermarmi. Ancelotti mi sta concedendo una grande possibilità, e lo ringrazierò a vita per questo".

Sullo stesso argomento