thumbnail Ciao,

Il commissario tecnico della Nazionale assicura: "Ho avuto ultimamente un confronto con lui e sente di voler essere ancora un punto di riferimento per questa maglia"

Cesare Prandelli assicura che Andrea Pirlo sarà ancora, almeno per i prossimi due anni, il regista e punto di riferimento del centrocampo della Nazionale Italiana. Ai microfoni di 'Mattina Sport', il commissario tecnico azzurro ha svelato di aver avuto un colloquio col giocatore: "Andrea è l'unico che deve decidere serenamente cosa vuole fare in futuro. Ho avuto ultimamente un confronto con lui e sente di voler essere ancora un punto di riferimento per questa maglia. Vuole arrivare con noi ai Mondiali e per noi sarà ancora un riferimento importante".

Il centrocampista bianconero, che in questo avvio di stagione ha cominciato a pagare gli impegni ravvicinati e il fitto calendario tra Juventus e Nazionale, sarà regolarmente tra i convocati anche per le gare di qualificazione mondiale contro Armenia e Danimarca, importantissime per l'Italia di Prandelli: "Mi aspetto di fare le scelte giuste.  Bisogna rinnovare e programmare in prospettiva. Non si puà pensare di arrivare ad un evento come il Mondiale senza fare dei cambiamenti".

Il ct sposa in pieno la politica intrapresa da diversi club italiani, che hanno deciso di puntare sulla linea verde: "Sono convinto che le società che hanno ricominciato ad investire sui giovani abbiano fatto la scelta giusta. Ci vuole pazienza ma qualità c'è. Soluzioni per trovare nuovi talenti? Bisogna ritornare a investire sui settori giovanili, nelle strutture. E' da li che escono i campioni".

Sul suo futuro Prandelli non ha dubbi, nonostante la tentazione di tornare ad allenare una squadra di club sia sempre forte: "Il desiderio di tornare sul campo c'è ma adesso il mio pensiero è solo dedicato alla Nazionale e ai prossimi Mondali in Brasile".

Sullo stesso argomento