thumbnail Ciao,

Il ct azzurro in conferenza stampa ha parlato di quali dovranno essere i cambiamenti della sua squadra per cancellare la brutta prestazione di Sofia.

Dopo il deludente pareggio ottenuto contro la Bulgaria Cesare Prandelli vuole una pronta reazione da parte della sua Italia domani contro Malta nella seconda gara di qualificazione al mondiale 2014. Non solamente dal punto di vista del risultato, praticamente scontato, ma soprattutto dal punto di vista della voglia e del gioco. Ecco cosa ha affermato il ct azzurro in conferenza stampa.

"E' chiaro che dobbiamo trarre insegnamento dagli errori che abbia commesso nella scorsa partita, dovremo prima di tutto cercare di ritrovare la nostra identità ed il nostro modo di giocare. I nostri avversari domani giocheranno con una sola punta, noi invece giocheremo con la difesa a 4, così saremo più equilibrati. A Sofia non siamo andati con leggerezza, ma abbiamo avuto dei problemi che abbiamo cercato di analizzare in questi giorni".

Prandelli poi si autocritica per difendere la sua squadra: "Quando le cose non vanno bene il primo responsabile deve essere considerato sempre l'allenatore, probabilmente abbiamo lavorato troppo in settimana su alcuni punti ed abbiamo invece tralasciato degli altri, non ho saputo gestire al meglio le cose".

Il ct ha poi concluso: "Voglio che la squadra sviluppi il tipo di gioco che ci ha caratterizzato in positivo in questi ultimi due anni della mia gestione: la prima cosa che vorrò vedere sarà una squadra che sappia mantenersi corta durante l'arco di tutta la gara e poi il possesso palla. Dovremo riuscire a costruire gioco come abbiamo sempre fatto, creando superiorità numerica a centrocampo anche coi difensori".

Il Ct è poi tornato sulla difesa a 4... "Giocare con 3 o 4 difensori è un falso problema - ha detto - E' chiaro che se hai giocatori abituati a schierarsi a 3 in difesa, diventa più facile adottare quel modulo. Ma se uno dei tre difensori non gioca abitualmente con la difesa a 3 nel proprio club e se uno degli interni di centrocampo non è abituato ad avere alle spalle una difesa schierata in quel modo, allora diventa difficile adottarla".

Contro Malta, comunque, l'Italia non dovrebbe incontrare problemi particolari, anche visto lo score realizzato nelle ultime due occasioni in cui l'ha affrontata, con 11 goal messi a segno dagli azzurri... "Segnare reti a valanga non mi è mai piaciuto - ha detto Prandelli - Preferisco vincere segnando pochi goal ma giocando bene".

"Comunque non prendiamo sottogamba Malta, che contro l'Armenia ha preso goal solo al 70' - ha detto ancora il Ct azzurro - E' una squadra organizzata, con giocatori interessanti come Mifsud; dovremo giocare senza aver fretta di chiudere subito la gara, questo è il rischio che corriamo. Dovremmo invece giocare come contro l'Estonia a Modena un anno fa, con possesso palla, equilibrio e profondità".

Prandelli ha poi parlato di Giovinco... "Ha deluso contro la Bulgaria? Non direi - ha spiegato il Ct - Ha sofferto più del dovuto perché eravamo lenti nella manovra, ma avuto due opportunità e, come sempre, se fa goal la prestazione viene giudicata in modo diverso. Deve stare sereno perché non deve dimostrare nulla. Quando uno vuole dare troppo, sbaglia. Il suo ruolo? Per me resta una seconda punta".

E su Destro... "E' un attaccante moderno - ha detto Prandelli - Sa sfruttare tutto il fronte d’attacco, dando profondità. Il trequartista? L’unico giocatore che può avere questa definizione è Diamanti, gli altri sono centrocampisti con qualità e interpretazione di gioco diverse".

Prandelli ha poi espresso il suo punto di vista sul fatto che Simone Farina, il calciatore che aveva per primo denunciato un tentativo di corruzione, dando così il via all'inchiesta sul calcioscommesse, è ancora senza contratto... "Questo è un problema che non va sottovalutato - ha detto - Avevamo detto che questo ragazzo avrebbe avuto qualche difficoltà dopo qualche mese e così si è stato. E’ compito nostro far capire che è un personaggio positivo e non abbandonarlo. Speriamo che fra un mese, quando ci ritroveremo, si possa parlare di un contratto nuovo, perchè se lo merita".

Dopo la conferenza stampa e l'allenamento di rifinitura, Cesare Prandelli ha poi annunciato ai microfoni della Rai la formazione ufficiale che manderà in campo domani contro Malta.

Sullo stesso argomento