thumbnail Ciao,

L'esterno sinistro, dal ritiro dei 'Cafeteros', ha parlato anche del suo compagno e connazionale Muriel: "Mi spiace che manchi, ma deve risolvere un problema fisico".

Non è stato un inizio di stagione facile per l’Udinese di Guidolin. La squadra fiulana, infatti, eliminata dal Braga dalla Champions League, non ha iniziato bene nemmeno il campionato. L’esterno Armero, però, che ha parlato dal ritiro della Nazionale colombiana, crede nel riscatto personale e dei bianconeri.

“Sto facendo un buon lavoro. – ha detto – Ai miei compagni in Nazionale ho cercato di spiegare cosa significhi ‘cucchiaio’. Tocchi il fondo e potresti non rialzarti. Contro il Braga siamo andati ai rigori e siamo stati eliminati”.

Armero ha poi spiegato di avere un ruolo diverso nel suo club e nella Colombia. “All’Udinese si gioca con tre centrali, e devo fare il laterale giocando più avanzato, anche se il primo obiettivo è difendere, per poi attaccare. – ha dichiarato – Quando vado in attacco faccio un miglio al minuto, ma non posso tornare alla stessa velocità, per questo sono i compagni che devono coprire lo spazio che si crea”.

“Quando vado in attacco, – ha aggiunto – faccio un miglio al minuto, ma non posso tornare alla stessa velocità. Per questo sono i compagni che devono coprire lo spazio che si crea”.

Infine una battuta sul suo connazionale Muriel. “Mi spiace che manchi – ha affermato Armero – so che è un grande giocatore, vive un buon momento, ma sappiamo che ha un problema fisico e questo deve essere curato, è il primo obiettivo".

Sullo stesso argomento