thumbnail Ciao,

Tutto sul giovanissimo centravanti degli Allievi del Parma e della Nazionale di Zoratto, che nonostante i soli 17 anni di età ha già esordito in Serie A.

ALBERTO CERRI | La Scheda
Club Parma
Ruolo Attaccante
Data di nascita
16 Aprile 1994
Altezza/Peso 193 cm/82 kg
Nazionalità Italia
A chi assomiglia Gomez, Vieri

Il termine 'predestinato' viene spesso abusato quando si parla di giovani calciatori ma a Parma sono sicuri di avere tra le mani quello che sarà il centravanti della Nazionale negli anni a venire. Alberto Cerri è abituato a bruciare le tappe: fisicamente dimostra ben più dei 17 anni svelati dalla sua carta d'identità (supera il metro e novanta d'altezza) e non c'è da sorprendersi se ad un'età in cui la stragrande maggioranza dei talenti nostrani può solo aspirare a giocare un giorno in Serie A, lui quel sogno lo ha già tramutato in realtà.

LO SPORT NEL DNA – Cresciuto in una famiglia di sportivi - papà Davide, ex centrocampista a livello dilettantistico, il nonno Ercole Gualazzini, ciclista di ottimo livello, che a cavallo tra gli anni ’60 e ’70 vinse 4 tappe del Giro d’Italia e due del Tour de France – Alberto approda nelle giovanili del Parma all’età di 9 anni, dopo aver mosso i primissimi passi nell’US Fulgor di San Secondo.

Nella stagione 2010/2011 il suo nome comincia a farsi largo: con i Giovanissimi Nazionali realizza 14 goal in 12 partite e nella stagione successiva viene aggregato agli Allievi, arrivando anche ad allenarsi con la prima squadra. A febbraio del 2012 l’allenatore della Primavera dei ducali Pizzi gli regala anche la prima presenza nella categoria.

LA CURA LUCARELLI – Il boom arriva però nella stagione in corso: a guidare gli Allievi Nazionali del Parma è un ex bomber come Cristiano Lucarelli, che intravede in Alberto le stimmate del campioncino e non lesina consigli per la sua giovane stella. I progressi di Cerri sono evidenti tanto che a fine marzo si schiudono le porte del grande calcio…

L’ESORDIO - A 16 anni e 348 giorni Alberto si affaccia per la prima volta tra i professionisti: minuto 76 di Parma-Pescara, Donadoni, sul 3-0, richiama Amauri e manda in campo questo ragazzone degli Allievi Nazionali. “Un'emozione indescrivibile – racconterà Cerri dopo la partita - Prima di entrare non ho pensato niente, ero elettrizzato, ero carico, pronto e niente di più. Avevo gli occhi lucidi quando sono entrato, è stato bellissimo e indimenticabile”.

ALFIERE AZZURRO – Come Lucarelli e Donadoni anche il ct dell’Italia Under 17 Daniele Zoratto, altro ex gialloblù, ha dimostrato di credere ciecamente nelle doti di questo giovanissimo corazziere, tanto da affidargli la fascia di capitano della selezione azzurra. Merito anche delle sue innate doti da leader, che lo rendono un naturale punto di riferimento per i compagni.

Con l’Under 17 Cerri ha disputato complessivamente 26 presenze, realizzando 12 goal, restando però all'asciutto nell'Europeo di categoria, terminato con la sconfitta ai rigori dell'Italie nella finale contro la Russia.

TRA GOMEZ E VIERI – La struttura fisica è già da giocatore fatto e finito: 193 centimetri d’altezza per 82 chilogrammi,  gambe forti e possenti. Il colpo di testa è ovviamente il pezzo forte della casa anche se sarebbe un errore considerarlo solo e semplicemente un centravanti-boa: tecnicamente è cresciuto molto negli ultimi mesi, deve migliorare ancora nella rapidità d’esecuzione e nello stretto, ma la stoffa è di primissima qualità.

I suoi idoli sono Van Basten e Ibrahimovic, studia da Lucarelli ma per caratteristiche fisiche e tecniche sembra ricordare più un incrocio tra Mario Gomez e Christian Vieri. Ciò che è certo è che il Parma può vantare uno dei migliori under 17 d’Europa: stavolta il termine ‘predestinato’ potrebbe essere quanto mai calzante…

Segui Simone Gambino su

Sullo stesso argomento