thumbnail Ciao,

Sotto la gestione Aglietti il Novara ha scoperto il talentuoso centrocampista classe '94, scuola Boavista, su cui hanno già messo gli occhi alcuni club di A e società tedesche.

BRUNO MIGUEL BORGES FERNANDES | La Scheda
Club Novara
Ruolo Centrocampista
Data di nascita
8 settembre 1994
Altezza/Peso 173 cm/65 kg
Nazionalità Portogallo
A chi assomiglia Aquilani, Marchisio

Da qualche mese a questa parte, il campionato di Serie B sta scoprendo il talento del portoghese Bruno Miguel Borges Fernandes, nuova 'stellina' del Novara che a suon di prestazioni all'insegna della qualità ha catturato le mire di tifosi e addetti ai lavori. Non a caso, la sua esplosione è coincisa con la risalita in classifica dei piemontesi.

AGLIETTI IL SUO 'MENTORE' - Gran parte del merito, oltre che alla società per averlo scovato dal settore giovanile della nobile decaduta Boavista, va attribuito senza dubbio ad Alfredo Aglietti. Il tecnico, da quando è arrivato in panchina, ha rigenerato una squadra impelagata in piena zona retrocessione portandola in acque più tranquille e addirittura con un sogno playoff da cullare.

MEZZ'ALA MODERNA - Aglietti ha dato un'identità ben precisa al proprio scacchiere, nel quale ha trovato immediatamente posto per l'appena diciottenne Fernandes: classica mezz'ala fantasiosa, grazie al suo baricentro basso è capace di abbinare rapidità di movimento a doti tecniche davvero interessanti. Restando nel panorama di casa nostra, un mix tra Aquilani e Marchisio per intenderci.

Viene schierato sul centrodestra in una mediana a tre, con il compito di dare qualità al reparto nevralgico e accompagnare la manovra offensiva inserendosi tra le linee. Coincidenza vuole che i due goal segnati dal lusitano contro Spezia e Ternana siano figli di movimenti dalle retrovie, tant'è che in un paio di occasioni è stato impiegato anche sulla trequarti.

Alcune sue recenti dichiarazioni, d'altronde, la dicono lunga: "Provo spesso le giocate, mi piace affrontare il mio diretto avversario e provare a saltarlo. Voglio arrivare lontano e per questo voglio rischiare facendo quello che più mi piace: goal, assist, lanci lunghi".

UN PRIMAVERA SUBITO 'SBOCCIATO'... - Il Novara lo acquistò poco meno di un anno fa su suggerimento del direttore sportivo più giovane della storia calcistica spagnola, Javier Ribalta, quando stava calando il sipario sull'amara retrocessione dalla A alla B. Qualche mese di ambientamento tra le fila della Primavera e poi l'esordio a fine gennaio nella vittoria di Empoli. Da quel momento, Bruno non ha più lasciato il campo.

... E LE SIRENE GIA' IMPAZZANO - Per questa piacevole sorpresa del campionato cadetto, fresco di convocazione nell'Under 21 portoghese dopo aver passato la trafila delle Nazionali Under 17 e Under 19, era inevitabile che le sirene di mercato diventassero subito realtà.

Dopo le primissime uscite con i 'grandi' si è sparso l'interessamento di club italiani e tedeschi: Atalanta, Inter, Juventus, Parma, Palermo e Torino hanno mandato a visionarlo da vicino più d'una volta, ma anche in Germania si sono accorti di lui tanto da scatenare l'interesse di Amburgo e Borussia Monchengladbach.

A giugno per il Novara trattenerlo sembra essere davvero difficile, ma nel frattempo società e tifosi si godono il suo talento cristallino con la speranza che possa contribuire a chiudere il discorso salvezza e chissà, magari azzardare un pensierino ai playoff.

Segui Claudio D'Amato su

Sullo stesso argomento