thumbnail Ciao,

18 anni, prodotto delle giovanili del Flamengo, è il colpo invernale dei sardi. Nel 2012 ha rifiutato un'offerta del Manchester United.

ADRYAN OLIVEIRA TAVARES | La Scheda
Club Flamengo
Ruolo Trequartista
Data di nascita
10 agosto 1994
Altezza/Peso 169 cm/64 kg
Nazionalità Brasile
A chi assomiglia Zico

Lo paragonano a Zico. Definizione appiccicata a tanti venuti dopo il ‘Galinho’, se non altro per la comune bandiera: quella del Flamengo. Il soggetto in questione, però, non ama le etichette: “Dicono che assomiglio a lui, ma non ci do molta importanza. Non mi piacciono i paragoni”. Intanto, chi spera che Adryan Oliveira Tavares, per tutti Adryan, 19 anni compiuti lo scorso agosto, possa ripercorrere le orme dell'idolo rossonero sono i tifosi del Cagliari.

Con ogni probabilità, sarà infatti proprio lui il colpo invernale del club sardo, vicino a chiudere l'operazione con il Flamengo per un giocatore che non è una delle tante invenzioni mediatiche: un’offerta giunta nel 2012 nientemeno che da sua maestà il Manchester United è stata da lui stesso rifiutata. “In quel momento non mi interessava andarmene da qui. In futuro vedremo se arriverà di nuovo qualcosa di buono” diceva qualche mese fa.

TALENTO PRECOCE - Adryan ha esordito lo scorso anno con la maglia del Fla. Ma fin dai tempi delle giovanili il suo nome circolava tra gli addetti ai lavori. Campioncino delle giovanili rossonere, ha iniziato a mettersi in mostra in particolare nel 2011, quando con la squadra juniores ha vinto la prestigiosissima Copa São Paulo, la cosiddetta ‘Copinha’, segnando due reti, entrambe nel quarto di finale vinto per 6-2 col Coritiba.

Inevitabile la chiamata in prima squadra da parte dell’allora tecnico Vanderlei Luxemburgo, giunta a 17 anni a gennaio 2012. Con lui, prima e dopo, hanno fatto il salto altri gioiellini protagonisti del trionfo nella ‘Copinha’. Tutti in odore di Italia: da Thomas,  attualmente in B al Siena, o come l’amico Mattheus, il figlio di Bebeto, a lungo trattato dalla Juventus.

Adryan è l’uomo degli esordi vincenti: segna un goal nella ‘prima’ assoluta in maglia flamenguista, nel 4-0 al modesto Bonsuccesso valevole per la Taça Guanabara, prima fase del campionato carioca, e si ripeterà qualche mese più tardi nel Brasileirão, torneo assaggiato pure questo con un pallone spedito in fondo alla rete avversaria, nel 3-2 casalingo all’Atlético Goianiense.

TECNICA ED ELEGANZA - 5 reti aveva messo a segno anche nel 2011: gli erano valse il titolo di capocannoniere del Mondiale Under 17 disputato in Messico e concluso al quarto posto dal Brasile. Ma nonostante ciò, sono altre le caratteristiche del giocatore. Trequartista rapido e raffinato, ama partire da lontano e condurre l’azione palla al piede, magari agendo sulla zona sinistra per potersi accentrare.

I piedi buoni di certo non gli mancano: il ragazzo ha dato un saggio di tecnica sublime a settembre dello scorso anno, quando ha raddrizzato una gara che un Flamengo disastrato stava perdendo in casa col Grêmio segnando su punizione all’incrocio lo splendido goal dell’1-1, al termine di un crescendo d’intensità in cui era stato proprio Adryan il protagonista maggiore.

Craque annunciato della nazionale verdeoro, per ora si premura di fare incetta di presenze con le selezioni giovanili, punto fondamentale per un curriculum che si rispetti. Le frequenta sin da quando aveva 15 anni, tra la Seleção Under 15, quella Under 17 e infine quella Under 20. E anche con l’’amarelinha’ i trofei, che siano di squadra o individuali, non sono mai mancati.

Come le 5 reti del Mondiale Under 17 messicano, di cui si diceva, le quali gli sono valse il terzo posto nella classifica cannonieri del torneo. Come, soprattutto, il premio di miglior giocatore della Coppa Internazionale del Mediterraneo, disputata a giugno 2012 a Barcellona e vinta dalla selezione Under 20 brasiliana con un 2-0 nella finale contro l’Argentina.

SPERANZA DEL CAGLIARI - Un bel biglietto da visita, non c'è che dire. Anche se gli inizi sono stati abbastanza complicati per via di un carattere alquanto timido. "Ma ora mi trovo benissimo con gli altri compagni” rivelava qualche mese fa Adryan, che assicurava di aver superato ogni blocco psicologico. Requisito fondamentale, come si può capire, per sfondare all'estero.

Insomma, per Adryan sarà Italia. Non Juventus e non Roma, che in passato avevano mandato i propri scout a farlo visionare, ma il Cagliari. L'annuncio è arrivato nelle ultime ore, sarà davvero lui il colpo di gennaio: i tifosi rossoblù potranno presto finalmente ammirare il loro 'Zico tascabile'...

Sullo stesso argomento