thumbnail Ciao,

I nerazzurri sono ad un passo dal giovanissimo centrocampista classe '96 del Le Havre. Ma l'accordo manca ancora ed i club di Premier sono alla finestra.

NOME: Jules Olivier Ntcham
RUOLO: Centrocampista
NATO A: Longjumenau
ALTEZZA: 180 cm
DATA DI NASCITA: 9 Febbraio 1996
PESO: 80 kg
NAZIONALITA': Francia
CLUB: Le Havre

Quando hai 16 anni, sei alto un metro e ottanta, pesi ottanta chili ed hai bruciato le tappe nelle selezioni giovanili della tua squadra e della nazionale, è solo questione di tempo prima che mezza Europa si accorga di te. E' il caso di Jules Ntcham, che non ha nemmeno la patente e già viene paragonato a grandissimi del calcio francese come Desailly e Vieira. Il suo curriculum è ancora breve e neanche Wikipedia può darvi una mano. L'Inter, però, lo ha visto giocare ed ha già prenotato il viaggio per la Pinetina...

A SCUOLA CON POGBA - Il Le Havre manca da un pochetto dai palcoscenici brillanti della Ligue 1. Tuttavia, l'unica cosa ad essere rimasta brillante è l'accademia giovanile che negli anni ha svezzato talenti come Dhorasoo, Lassana Diarra, Niang e Steve Mandanda.  Fino ad arrivare ai giorni nostri quando l'ultimo gioiellino ad uscire dalla scuola Le Havre è stato Paul Pogba, ceduto a Sir Alex Ferguson e adesso destinato a rinforzare il centrocampo del futuro di Conte.

Ma se nel 2009 Pogba lasciava la selezione Under 19 del club francese per approdare in Inghilterra, qualcun'altro era già pronto a prendere il suo posto. Stiamo parlando proprio del nostro Jules Ntcham, che in tre anni è riuscito a stupire tutti gli allenatori e addeti ai lavori che passavano da quelle parti. Si prende di diritto la fascia da capitano della Francia Under-16, con la quale totalizza 17 presenze e realizza 5 goal. Il tecnico Gonfalone lo lascia libero di giostrare a centrocampo, nel quale diventa un vero e proprio incubo per i suoi coetanei.

Quest'anno la stagione in Ligue 2 del Le Havre è stata decisamente al di sotto delle aspettative (quart'ultimo posto), ma la crescita di Ntcham è riuscita comunque a regalare un sorriso alla dirigenza del club dell'Alta Normandia. Il baby centrocampista franco-camerunense non ha avuto nemmeno bisogno di esordire in prima squadra per dimostrare il suo valore. Nonostante abbia solo 16 anni ha giocato con l'Under 19 dei 'Ciel et Marine', partecipando anche alla Coppa Gambardella, il torneo giovanile più importante in terra francese. Anche qui il nostro Jules ha fatto muovere le penne degli osservatori, adesso è solo questione di tempo prima che sia lui a muoversi da Le Havre.

UN FISICO BESTIALE - Luca Carboni, qualche tempo fa, cantava quanto ci volesse  quel fisico lì per fare tutto quello che ti pare. Ntcham ce l'ha e tutto quello che vuole fare è giocare a calcio. A 16 anni di solito si è ancora bambini e poco formati per il calcio con la 'c' maiuscola, ma per Jules il discorso è diverso. Vederlo giocare accanto ai suoi compagni e contro gli avversari fa impressione. Madre natura lo ha dotato di una struttura corporea oseremo dire 'imbrazzante', i suoi 180 centimentri sono perfettamente delineati da 80 chili di muscoli. Ma non è finita qui.

La tecnica non gli manca, per non parlare di progressione e visione di gioco. Ha tutte le carte in regola per diventare un centrocampista moderno, da plasmare, migliorare tatticamente  ed inserire nel ruolo in cui può rendere al massimo. Ad ogg viene impiegato come mezz'ala, ma la sua duttilità gli permette di giocare sia come regista basso che playmaker avanzato, ruolo che ricopre principalmente nel Le Havre. Un vero e proprio enfant prodige, con la giusta personalità per farsi largo nel calcio dei grandi.

L'unica pecca, che poi è un'arma a doppio taglio, potrebbe essere rappresentata dall'età. Le sue capacità di adattamento non sono ancora state testate e poi c'è la questione genitori. Ricordiamoci che questo ragazzino l'anno prossimo farà il terzo liceo ed in assenza di un agente ( e menomale!) sono mamma e papà a corrispondere delle sue azioni e decisioni. Il prospetto c'è, il talento anche, ma bisogna farlo maturare nel modo giusto e migliore. A bruciarsi ci vuole poco...

DAI INTER, L'ULTIMO SFORZO - Branca e Ausilio hanno deciso: questa rosa 's'adda svecchià'. Gli over 30 cominciano ad abbondare e con la conferma di Stramaccioni la linea verde interista ha soltanto messo le fondamenta. Adesso bisogna costruire: con i giovani, per il futuro. Ecco perchè l'operazione Ntcham è una di quelle da fare ad occhi chiusi e subito, soprattutto per quanto viene a costare.

L'offerta dell'Inter era stata di circa 900.000 euro, ma a Le Havre hanno fiutato giustamente l'affare e per meno di 1,2-1,5 milioni il gioiello di casa non si muove. Il giocatore non dovrebbe avere problemi ad accettare la destinazione meneghina e si è detto entusiasta delle possibilità che si stanno aprendo. I nerazzurri ci stanno pensando, ma nel frattempo c'è già chi si sta preparando a fare da guastafeste. Arsenal, Chelsea, Manchester United e Manchester City aspettano solo il momento giusto per soffiarci l'ennesimo giocatore da sotto i baffi. E sarebbe un peccato, fra qualche anno, non poterci gustare il derby d'Italia contro l'amico Pogba.

Sullo stesso argomento