Generazione di Fenomeni - Stephan El Shaarawy, il Faraone che ha incantato Padova e fatto innamorare il Milan...

Tutto sul diciottenne fantasista scuola Genoa, autore di una stagione strepitosa con la maglia dei patavini. Il Milan sta per assicurarsi uno dei più forti talenti italiani...
Calciomercato in Diretta su Goal.com - Clicca QUI
Segui Goal.com sui Social Network

NOME: Stephan El Shaarawy
DATA DI NASCITA: 27 ottobre 1992
LUOGO DI NASCITA: Savona
NAZIONALITA': Italia
ALTEZZA: 180cm
PESO: 73 kg
RUOLO: Attaccante
SQUADRA: Genoa


BABY DA RECORD - El Shaarawy è attualmente il miglior "frutto"del lavoro organizzato e meticoloso che il Genoa compie a livello giovanile, andando a visionare centinaia di ragazzini nei campi più periferici. E' così che Michele Sbravati, responsabile del settore giovanile dei grifoni, scopre nel Legino l'appena 11enne Stephan e lo porta nel capoluogo ligure. Già nel 2006 arriva il primo trionfo al Trofeo Piccole Grandi Squadre, seguito dal Coppa Italia Primavera 2009 e Supercoppa Italiana Primavera. Che si tratti di un predestinato lo si intuisce anche dall'esordio in serie A, a soli 16 anni (motivo per cui vince la prima edizione del premio “Amedeo Amadei” come il più giovane debuttante della stagione), nel match del 21 dicembre 2008 a Verona contro il Chievo, a cui seguono altre 2 presenze (sempre da subentrato) nella stagione successiva... Per essere il più giovane esordiente di tutti i tempi con la maglia rosso-blu come non ringraziare il maestro Giampiero Gasperini!

Il 2010 gli offre un' ulteriore possibilità di entrare nella storia del club di cui è sempre stato tifoso: a Macerata si disputa la finale del Campionato Primavera tra pari età di Genoa ed Empoli ed i ragazzi di Luca Chiappino conquistano il primo successo della storia Genoana; El Shaarawy mette la propria firma nel 2-1 finale inventando un festeggiamento che gli varrà il soprannome di "piccolo faraone".

UN FARAONE TRA LE "GALLINE" - Nell'estate del 2010 viene girato in prestito al Padova per poter maturare con la dovuta serenità e giocare con più frequenza. Con la rete messa a segno nel 4-0 alla Reggina diventa subito un idolo della tifoseria, tanto da far esclamare a qualcuno che un talento così a Padova non lo si vedeva dai tempi di Del Piero.

Quando niente sembra poter arrestare l'ascesa di "El 92" (il suo numero di maglia, oltre ad essere l'anno di nascita) arriva, però, una fastidiosa tendinopatia rotulea che lo tiene fermo ai box per quattro mesi; Nel 2011 rientra in campo ed impiega poco a recuperare il tempo perso: a suon di gol, assist e grandi giocate diventa un punto fermo della squadra allenata da Dal Canto, che arriva, con una rimonta incredibile, a giocarsi ai playoff l'accesso alla Serie A. Nella semifinale di ritorno contro il Varese Stephan gioca probabilmente la sua miglior partita con la maglia biancorossa, siglando una doppietta di pregevole fattura che consente ai patavini di accedere alla finale contro il Novara.

In maglia azzurra ha già passato tutta la trafila "juniores"; convocato per gli sfortunati Europei e Mondiali Under17 in cui non ha avuto molto spazio per incidere, ad inizio 2011 arriva la prima chiamata di Ferrara nell' Under 21 e anche Prandelli sembra seguirlo con attenzione. A fine maggio gioca anche con l'Under 19 le gare di qualificazione agli Europei, per i quali l'Italia non è riuscita però a conquistare l'accesso.

CARATTERISTICHE
- Faccia pulita, la testa sulle spalle (come conferma il capitano del Padova, Italiano), giocatore estroso e duttile, in grado di ricoprire più ruoli, dal centrocampista esterno all'ala, dal trequartista alla seconda punta, El Shaarawy possiede una capacità di dribbling notevole, grande velocità palla al piede (nelle progressioni ricorda vagamente Kakà), destro preciso, ottima visione di gioco ed abilità nei tempi d'inserimento in area.

IL SOGNO DI STEPHAN
- Le doti di El Shaarawy non sono certo passate inosservate: big come Real Madrid, Milan ed Inter hanno seguito il Faraone nella sua prima stagione tra i professionisti e alla fine i rossoneri, grazie alla sempre più cementificata partnership con il Genoa, sembrano aver messo le mani sul giocatore. "Il mio sogno è vestire la maglia Milan", aveva dichiarato solo pochi giorni fa Stephan. Un sogno che sta per realizzarsi...