thumbnail Ciao,

Il ct belga del Burkina Faso Paul put a 24ore dalla storica semifinale in Coppa d'Africa ammette: "Il calcio è come il ciclismo. Tutto truccato. Basta un giocatore per una combine"

Non si può certo dire che Paul Put, 57enne ct belga del Burkina Faso non dica quella che pensa. A meno di 24 ore dalla storica semifinale della nazionale da lui allenata, contro il Ghana nella Coppa d'Africa 2013 in corso di svolgimento in Sudafrica, Put convoglia l'attenzione della vigilia sullo scandalo calcioscomesse:

"Le combine nel calcio sono sempre esistite. E' come nel ciclismo. Tutti puntano il dito contro Lance Armstrong ma poi tutti fanno uso di doping" queste le dichiarazioni shock del ct.

Paul Put, squalificato in patria nel 2008 per tre anni dopo lo scandalo scommesse in cui a pagare fu la squadra del Lierse non sembra sorpreso dall'indagine dell'Europol su 380 match sospetti tra cui anche due di Champions League:

"Anche prima di allenare, quando giocavo succedevano le stesse cose e non penso che le cose possano cambiare. Ci sono importanti giocatori di fama internazionale implicate nelle combine. E in passato era anche peggio". ha dichiarato apertamente Put.

Paul Put fu l'unico ad essere squalificato dalla Federcalcio belga nonostante le oltre 40 persone indagate. "Sono stato minacciato dalla mafia, i miei figli non erano al sicuro. - ha concluso Put - Non posso dire se fui costretto a vendere le partite anche perchè ero solo un allenatore, ma vi dico che per truccare un match non servono 22 giocatori. Ne basta uno soltanto".

Sullo stesso argomento