thumbnail Ciao,

Il legale del centrocampista della Lazio continua ad affermare l'assoluta estraneità del suo cliente ai fatti che gli vengono contestati.

Nella giornata di lunedì dall'interrogatorio di Carlo Gervasoni nell'ambito dell'inchiesta su Scommessopoli sarebbero emersi nuovi elementi a sfavore del centrocampista della Lazio Stefano Mauri. Della situazione che riguarda il giocatore ha parlato anche il suo avvocato Matteo Melandri.

"Non voglio assolutamente fare confronti televisivi, ma preferisco agire solamente all'interno delle aule dei tribunali. Sono molto ansioso di confrontarmi con la Procura di Cremona, che va anche premiata per il tempismo con il quale fa trapelare le notizie in un momento nel quale c'è quiete e ci sono anche delle indicazioni opposte da parte della Procura federale".

Melandri non si spiega, dalle informazioni a sua conoscenza, di come si stia continuando ad insistere sulla colpevolezza del suo assistito: "Leggo nei diversi provvedimenti della giustizia sportiva che Gervasoni non può essere considerato in alcun modo come un soggetto attendibile. Sono stato l'unico ad avere a disposizione i tabulati telefonici e gli altri documenti che riguardano le indagini e da questi si evince in maniera palese che Mauri è estraneo ai fatti. E non dimentichiamo che per questo motivo il mio assistito è stato già in carcere".

Il legale conferma inoltre che il suo assistito è molto tranquillo riguardo la sua futura assoluzione: "Andiamo comunque avanti ed aspettiamo gli eventi. E' chiaro che se Stefano verrà assolto la procura dovrà poi spiegare quello che è stato il suo operato. Stefano è stanco, ed è chiaro, anche per come sta giocando in questa stagione, che è una persona con la coscienza a posto".

Sullo stesso argomento