thumbnail Ciao,

Il presidente della Corte Federale spiega l'assoluzione del Napoli sul caso Scommessopoli e rivela: "Il presidente De Laurentiis è stato convincente, non c'era alcun illecito".

Momento magico per il Napoli che, dopo l'accoglimento del ricorso da parte della Corte Federale sul caso Scommessopoli, ha ripreso a volare anche sul campo, portandosi a ridosso della Juventus capolista.

Gerardo Mastrandrea, presidente dell'organo di giustizia della Figc, è diventato l’eroe dei tifosi del Napoli, da presidente della Corte ha dato una decisa spallata al principio della responsabilità oggettiva, ha restituito agli azzurri i due punti tolti dalla Commissione Disciplinare in primo grado, facendo sognare nuovamente in grande il popolo partenopeo.

Ora Mastandrea, presente ieri nella commissione d’esame che ha distribuito i diplomi di laurea in Giurisprudenza all’interno del Chiostro di Santa Chiara, si è intrattenuto con alcuni studenti tifosi, rispondendo alle loro domande in merito alla sentenza, e sottolineando: "Non abbiamo cancellato la responsabilità oggettiva, abbiamo solo voluto entrare nel merito della questione".

Quindi il quarantottenne romano, Consigliere di Stato con esperienze sportive nel basket di serie C, così come riportato da 'Tuttosport', è diventato improvvisamente l’attrazione nella mattina per tanti studenti napoletani che lo hanno ringraziato: stringendogli la mano, chiedendo autografi e fotografie.

Mastandrea non si è tirato indietro e ha provato a stilare le linee guida che lo hanno condotto alla sentenza di assoluzione: "Tra pochi giorni  saranno pubblicate le motivazioni. Diciamo che il presidente De Laurentiis ha fatto al nostro cospetto una bella esposizione delle ragioni del club. Poi, abbiamo letto tutti gli atti e ci siamo accorti che in quel caso l’illecito non c’era. Né consumato, né presunto".

Inversione a U rispetto alla sentenza di primo grado e assoluzione piena. Tutto è bene quel che finisce bene, il Napoli con due punti e un Cannavaro in più nel motore è tornato a volare, la caccia alla Juve adesso può davvero continuare.


Sullo stesso argomento