thumbnail Ciao,

Il patron continua a stare dalla parte del centrocampista: "Chi vive vicino la Svizzera è abituato a depositare lì i propri risparmi". Interrogatorio spostato a lunedì?

Non solo calcio giocato, il post Tottenham-Lazio fa registrare anche una parentesi legata a vicende extracalcistiche. E' il patron biancoceleste, Claudio Lotito, a spezzare l'ennesima lancia in favore di Stefano Mauri contestando la risonanza data al coinvolgimento del centrocampista nell'inchiesta su Scommessopoli e la convocazione in Procura come testimone nell'ambito della transazione di 100mila su un un conto elvetico intestato alla madre.

"È un'amplificazione mediatica. Guarda caso certe cose succedono quando andiamo bene - ha dichiarato il presidente - Sembra ci sia un intervento a orologeria sulla Lazio". Che poi sulla vicenda 'svizzera' assicura: "Non c'entra nulla con il Calcioscommesse. E’ un’abitudine delle famiglie che stanno al confine quella di depositare lì i propri risparmi. Il giocatore è sereno".

Proprio in merito alla convocazione per la vicenda del conto elvetico, la 'Gazzetta dello Sport' riporta di un accordo tra Mauri (attraverso i suoi legali) e la Procura di Cremona per spostare l'interrogatorio da oggi pomeriggio a lunedì prossimo per evitargli nello stesso giorno il tour de force Londra-Milano-Cremona-Roma.

Sullo stesso argomento