thumbnail Ciao,

Il numero uno dell'Aic svela: "Farina vuole fare il calciatore, ma in maniera corretta e lineare. Per delicatezza però ha scelto di non rilasciare dichiarazioni".

Ma qual è la verità sul caso di Simone Farina e perchè non ci pensa lui stesso in prima persona a fare chiarezza sulle sue reali intenzioni e su come siano andare davvero le cose nella vicenda dell'addio al Gubbio, che tanto sta facendo discutere?

Ci pensa Damiano Tommasi, dalle pagine del 'Corriere della Sera', a parlare in nome del giocatore assurto a simbolo di onestà per la sua denuncia - una mosca bianca visto tutto il marciume poi uscito fuori e l'omertà dilagante negli spogliatoi italiani - di una richiesta di 'combine' da lui sdegnosamente rifiutata.

"Simone non ha più squadra? Pessimo segno - spiega il presidente dell'Associalciatori - Ho personalmente voluto averlo nel Consiglio dell'associazione, perché lo considero un punto di riferimento, oltre che un giocatore a tutti gli effetti. Non sarà un top player ma è un elemento valido e ha conquistato una promozione in serie B con il Gubbio. Ora si ritrova a parametro zero e nessuna richiesta".

"Il presidente del club umbro dice che è stato il giocatore a scegliere di smettere? Lo dice lui - dice Tommasi - La volontà di Simone è quella di continuare a giocare, di fare il calciatore, ma in maniera corretta e lineare. Per delicatezza però ha scelto di non rilasciare dichiarazioni...".

Sullo stesso argomento