thumbnail Ciao,

Lo 'Special One' difende l'allenatore bianconero: "Ma quante storie... Mica ci alleniamo qui, mica scendiamo in campo con le nostre squadre". Carletto: "No a tarallucci e vino".

Il 'caso Conte', squalificato per 10 mesi in seguito alla vicenda di Scommessopoli, sbarca anche in Europa, e precisamente a Nyon, dove è in corso il Forum Uefa dei 'top' allenatori europei.

Secondo il retroscena svelato dalla 'Gazzetta dello Sport', infatti, il tecnico della Juventus non è presente assieme ai vari Allegri, Ancelotti e Spalletti - per dire dei 'nostri' - proprio per una scelta ben precisa di 'opportunità' fatta dal massimo ente calcistico continentale.

Nessun esponente dell'Uefa ovviamente lo ha confermato esplicitamente, ma resta il dato di fatto che nessun membro della società campione d'Italia sia stato invitato a Nyon "proprio per questa ragione", spiega la 'rosea'.

Una decisione che Josè Mourinho critica apertamente, con la sua classica pungente ironia: "Perché Conte non è qui? Non l'hanno invitato perché è squalificato? Ma quante storie... Mica ci alleniamo qui, mica scendiamo in campo con le nostre squadre! E' un incontro fra tecnici in terra neutrale. Siamo o non siamo in Svizzera?".

Meno 'calorose' invece nei confronti dell'allenatore bianconero le parole di Carletto Ancelotti: "Che idea mi sono fatto del 'caso Conte'? Conosco bene Antonio perché l'ho allenato quando ero alla Juve. Non so che cosa ci sia di vero nei suoi confronti, so però che la giustizia va rispettata altrimenti finisce tutto a tarallucci e vino...".

Sullo stesso argomento