thumbnail Ciao,

Il tecnico della Juventus ha visto confermata anche davanti alla Corte di Giustizia Federale la sanzione di primo grado. Ora resta l'ultimo grado di giudizio davanti al Tnas.

Nessuno sconto per Antonio Conte in secondo grado nel processo su Scommessopoli in corso a Roma: l'appello del tecnico della Juventus è stato respinto e dunque anche la Corte di Giustizia Federale ha confermato la condanna di primo grado a 10 mesi di squalifica per la sola omessa denuncia della 'combine' di AlbinoLeffe-Siena, svelata dal suo feroce accusatore Carobbio. L'allenatore leccese è stato invece assolto per l'altro match incriminato, Novara-Siena.

L'ufficialità è arrivata con la pubblicazione sul sito della Federcalcio del dispositivo ufficiale dei due procedimenti che la Corte ha esaminato lunedì e ieri. Sono state sostanzialmente confermate quasi tutte le decisioni della Commissione Disciplinare, incluse - a fare da contraltare per gli umori della società bianconera - le assoluzioni di Bonucci e Pepe per il 'tarocco' (a questo punto rimasto non provato, con relativa inattendibilità del 'pentito' Andrea Masiello) di Udinese-Bari.

A questo punto è praticamente certo che Conte cercherà soddisfazione - si proclama del tutto innocente - nell'ultimo grado di giudizio sportivo davanti al Tnas, mentre invece non è mai accaduto che il procuratore federale 'insista' fino al Tribunale Arbitrale del Coni, e dunque i due giocatori juventini sono definitivamente 'salvi', visto che Palazzi non farà ulteriore appello per chiederne ancora la condanna.

Un piccolo 'sconto' invece lo ha avuto il vice di Conte, Angelo Alessio, che ha visto ridotta la sua squalifica da 8 a 6 mesi.

Respinto anche l'appello del Pm federale per Portanova e Di Vaio per Bologna-Bari. Resta prosciolto Di Vaio e restano i sei mesi per omessa denuncia a Portanova, mentre il club felsineo vede svanire il pericolo di penalizzazione, vedendosi confermata la sola multa di 30mila euro.

Soddisfazione ancora maggiore per il Novara, la cui penalizzazione nel prossimo campionato viene ridotta da 2 a un solo punto.

Ecco il comunicato ufficiale della Figc: "La Corte di Giustizia Federale presieduta da Gerardo Mastrandrea ha accolto 5 ricorsi di club e tesserati, in alcuni casi parzialmente, contro le sentenze di primo grado emesse dalla Commissione Disciplinare Nazionale in relazione ai filoni del calcio scommesse relativi alle inchieste condotte dalle Procure di Bari e Cremona. Per effetto delle decisioni sono state annullate l’esclusione del Grosseto dal campionato di Serie B e l’inibizione del presidente del club toscano Piero Camilli. E’ stata ridotta da 2 ad 1 punto la penalizzazione del Novara (comminata anche un’ammenda di 20mila euro); è stata parzialmente riformata la decisione su Antonio Conte, prosciolto per la gara Novara-Siena, ma squalificato per 10 mesi in relazione ad Albinoleffe-Siena con una rideterminazione della sanzione rispetto alla decisione della Commissione Disciplinare; parzialmente accolto anche il ricorso di Angelo Alessio, la cui squalifica è stata ridotta a sei mesi. Respinti tutti gli altri ricorsi, compresi quelli del Procuratore Federale Palazzi rispetto ai proscioglimenti decisi in primo grado. Ai procedimenti di appello, le cui udienze si sono svolte nelle giornate di lunedì e martedì, hanno preso parte 23 tesserati e 7 club".

Sullo stesso argomento