thumbnail Ciao,

Il presidente Figc Abete incontrerà venerdì prossimo Pesoli. Il calciatore del Verona ha così deciso di interrompere lo sciopero della fame con cui protestava per la squalifica.

E' durato circa 96 ore lo sciopero della fame, e l'incatenamento ai cancelli della sede della Federcalcio a Roma, con cui Emanuele Pesoli protestava per i 3 anni di squalifica inflittigli dalla Disciplinare al termine dell'inchiesta sul calcioscommesse.

Una squalifica ritenuta ingiusta da parte del calciatore del Verona, che sabato scorso aveva così inscenato tale plateale protesta chiedendo che gli fosse concesso dalla Disciplinare un confronto faccia a faccia coi suoi accusatori.

Non ha ottenuto quanto chiedeva, bensì un incontro col presidente federale Giancarlo Abete, programmato per venerdì prossimo. Comunque un passo avanti per poter esporre alla massima autorità del calcio italiano le sue ragioni, tanto è bastato a Pesoli per interrompere il suo sciopero della fame.

Sullo stesso argomento