thumbnail Ciao,

i sono volute tre ore per controllare il computer dove sono registrate le giocate: è andata in scena, in seguito, una accurata perquisizione alla cantina.

In via Garibaldi 42 a Parma è arrivata la Guardia di Finanza di Torino per fare luce sulla questione Gigi Buffon. La procura federale ha aperto un fascicolo su di lui, mentre l'estremo difensore azzurro veniva sostituito con la Nazionale per un problemino fisico.

Come noto al centro di tutto ci sono i 1,5 milioni di euro versati dal portiere al titolare della tabaccheria della città emiliana. Ieri sera, poco prima della chiusura, infatti, i finanzieri sono arrivati per perquisire tutta l'attività al centro della nuova inchiesta.

Ci sono volute tre ore per controllare il computer dove sono registrate le giocate: è andata in scena, in seguito, una accurata perquisizione alla cantina dove dovrebbe essere archiviata la documentazione antiriciclaggio. L'autocertificazione, infatti, deve essere compilata per giocate superiori ai 999 euro.

Massimo Alfieri, il titolare, si trova negli Stati Uniti, mentre la tabaccheria è stata affidata ai genitori e ai suoceri. Ora, nel breve periodo, la FIGC potrebbe sentire Buffon per ascoltare la sua verità.

Sullo stesso argomento