thumbnail Ciao,

Morgan De Sanctis, portiere del Napoli si difende dalle accuse di una presunta combine (Samp-Napoli) organizzata dall'ex terzo portiere Gianello: "Mai sentito parlare di scommesse"

Morgan De Sanctis, portiere del Napoli, è stato interrogato in qualità di persona informata dei fatti dai pm di Napoli per via della presunta combine orchestrata da Matteo Gianello, ex terzo portiere partenopeo, in occasione della gara Sampdoria-Napoli (1-0) del 16 maggio 2010.

L’azzurro ha precisato che all’interno dello spogliatoio azzurro tutto sia in armonia malgardo le dichiarazioni di Gianello: "Non sono a conoscenza del coinvolgimento di calciatori del Napoli in scommesse, nè ho mai sentito parlare di progetti relativi all'alterazione di risultati delle nostre partite. Ritengo lo spogliatoio del Napoli estremamente sano, io e i miei compagni ci siamo sempre impegnati al massimo".

De Sanctis ha poi aggiunto: “In occasione di quella gara ricordo che Mazzarri invitò tutta la squadra, nonostante avessimo già acquisito l'accesso alla competizione europea, ad avere il massimo impegno agonistico, in quanto da ex teneva a fare bella figura”.

Infine sulla sua mancata esultanza a un goal di Cavani in occasione della gara casalinga vinta contro il Lecce per 3-2, (video su You Tube), lo scorso 3 dicembre, il portiere napoletano ha concluso: ”Devo del tutto escludere le fantasiose ricostruzioni o insinuazioni fatte nei miei confronti".

Sullo stesso argomento