Si avvicina la finale, Cassano sente aria di rivincita personale: "In Spagna mi chiamavano grasso, sono pronto a mettere le cose a posto"

Il fantasista azzurro ha dichiarato grande voglia di rivincita nei confronti della Spagna, mostrando grande fame di vittoria: "Loro credono che siamo appagati...e sbagliano".
Sale la tensione, cresce l'adrenalina, aumentano i pensieri ed anche qualche ricordo. Nella testa di Antonio Cassano sta maturando anche un desiderio di rivincita: si, proprio rivincita, perchè la più brutta parentesi della carriera di 'fantantonio' si è spesa proprio in terra spagnola, con la maglia del Real Madrid.

Allora dicevano che era grasso e l'attaccante azzurro fu più volte preso di mira dalle imitazioni, ma adesso le cose sono cambiate, come rivela lo stesso Cassano in un'intervista a 'ESPN': "Sarebbe bello battere la Spagna. La mia esperienza al Real non è andata esattamente bene. Mi chiamavano grasso e non ho apprezzato tutto ciò. Sono pronto a mettere le cose al suo posto".

La fame di vittoria è salita di partita in partita: "Gli spagnoli credono che siamo felici ed appagati solo per essere riusciti a raggiungere la finale. Forse pensano che abbiamo già raggiunto il nostro obiettivo. Niente di più sbagliato".

Una partita da affrontare senza paura, Cassano è sicuro che questa Italia farà sudare i giganti: "Gli spagnoli, come i tedeschi, non sono mai tranquilli contro di noi. Li abbiamo sempre fatti sudare. Non ci faremo intimidire".