thumbnail Ciao,

"Faremo una gara offensiva. E' il nostro stile di gioco quello di pensare più ad attaccare che a difendere. E anche contro l'Italia faremo questo", ha detto Del Bosque.

Mancano poco più di ventiquattr'ore all'attesissima finale di Euro 2012 che metterà di fronte, domenica sera, Italia e Spagna. Per le 'Furie Rosse' l'opportunità unica di poter diventare la prima nazionale a vincere tre competizioni consecutive, fra Europei e Mondiali.

In conferenza stampa, il Ct iberico Vicente Del Bosque ha espresso il suo pensiero sui vari aspetti della gara e dell'attesa per un match tanto atteso. "La prossima partita è quella più importante - ha detto il Ct spagnolo - Giocheremo per raggiungere un obiettivo per il quale abbiamo lavorato negli ultimi anni e vogliamo fortemente terminare questo torneo con una vittoria. L'Italia? E' migliorata nel corso della competizione e merita di essere in finale".

Italia e Spagna si sono già affrontare nella prima partita del Gruppo C, terminando in parità per 1-1... "Anche in quella gara l'Italia non ha giocato in maniera difensivista - ha detto ancora Del Bosque - Gli Azzurri hanno fatto grandi progressi nel proprio stile di gioco negli ultimi anni. La nostra formazione? Abbiamo ancora una sessione d'allenamento da fare e prenderò ogni decisione solo dopo. Comunque, è quasi certo che giocheremo coi tre attaccanti, quindi faremo una gara offensiva. E' il nostro stile di gioco quello di pensare più ad attaccare che a difendere. E anche contro l'Italia faremo questo".

Campioni del Mondo e d'Europa in carica, la formazione spagnola può contare in tanta esperienza in più rispetto a quella azzurra, visto che in gran parte gli uomini di Del Bosque hanno già conquistato sul campo l'alloro iridato ed europeo... "E' vero, abbiamo una squadra con grande esperienza - ha detto il mister spagnolo - Ora abbiamo ancora una partita con la quale convincere tutti che siamo ancora noi i più forti. Poi, martedì andremo in vacanza e cominceremo a pensare alle qualificazioni per il Mondiale del 2014".

Del Bosque ha poi una parola d'elogio per quello che è ritenuto l'elemento più importante della sua squadra, il perno su cui ruota tutta la 'Roja', Xavi. "E' molto raro vedere Xavi giocare male una partita - ha detto - Il suo apporto alla squadra è enorme, col suo grande talento e la sua eccezionale qualità tecnica e tattica. Lavora tanto per la squadra e detta il nostro stile di gioco. Chi sarà il miglior giocatore di Euro 2012? Senza dubbio sarà un calciatore della squadra che vincerà il trofeo. Io, comunque, non credo tanto in questo genere di classifiche, uno può perdere ma essere comunque il migliore di tutti".

"Noi favoriti perchè campioni in carica? Non possiamo guardarci indietro - ha proseguito Del Bosque - L'Italia è stata campione del Mondo per quattro volte, ma dobbiamo guardare solo al presente. Abbiamo il 50 per cento di possibilità di vincere, perchè abbiamo avuto un percorso simile a quello dell'Italia. Stesso girone, abbiamo vinto una partita ai rigori e i nostri stili di gioco sono simili. Per tutto questo penso che abbiamo le stesse possibilità di vincere".

In occasione della finale arriveranno a Kiev, per sostenere la nazionale iberica anche Puyol e Villa, due che sarebbero stati sicuramente della partita, se non avessero dovuto fare i conti con dei brutti infortuni che li hanno esclusiva dalle convocazioni... "Ci fa molto piacere che vengano qui - ha detto Del Bosque - Più che una squadra noi siamo una famiglia e loro due hanno un ruolo molto importante in questo gruppo. Sicuramente ci aiuteranno col loro supporto. I successi possono indebolire lo spirito di una squadra nelle competizioni successive, ma noi abbiamo giocatori fantastici che, nonostante le vittorie dell'Europeo e del Mondiale scorsi, non hanno perso la voglia di vincere ancora".

Sullo stesso argomento