thumbnail Ciao,

'Pinturicchio' fa un tuffo nel passato e in vista della semifinale di stasera si mostra ottimista: "Gli azzurri sono solidi e hanno un'identità di squadra. Pirlo? E' eccezionale".

Non appena battuta l'Inghilterra, a tutti sarà capitato di riavvolgere il nastro indietro di sei anni. E' successo anche ad Alessandro Del Piero, uno degli eroi di Dortmund, che in un'intervista alla 'Gazzetta dello Sport' ripercorre quel Germania-Italia del 2006. Era una semifinale allora, lo è adesso. E poco importa che si tratta di Europei e non Mondiali, fare un tuffo nel passato è inevitabile.

"È il ricordo della nostra più bella partita al mondiale tedesco, una serata incredibile, qualcosa di pazzesco - dice 'Pinturicchio' - In casa loro, poi. Ogni fotogramma di quella sera vale tantissimo, ed è impresso nella mia mente. Ricordo che dopo il goal cercai con lo sguardo mia moglie sugli spalti. Ho rivisto in televisione tante volte quelle immagini: si vede Sonia che piange di gioia, e subito dopo una bimba tedesca che invece è in lacrime perché ha perso. La finalissima contro la Francia fu l'emozione più grande, perché sollevammo il trofeo, però la partita migliore resta quella contro i tedeschi".

Un exploit che secondo l'ormai ex capitano della Juventus stasera può essere 'bissato', "perché abbiamo dimostrato di essere sempre più solidi di partita in partita, perché abbiamo una precisa identità di squadra e perché sappiamo sfruttare le occasioni giuste. Penso che i tedeschi siano un po' come gli azzurri: compatti e con ottime individualità. Chi temo? Dovendo proprio scegliere, direi Ozil, Muller e Gomez".

L'arma in più della nostra Nazionale, anche secondo Alex, si chiama Pirlo: "Direi che Andrea si è mantenuto a quei livelli eccezionali, come del resto in campionato con la Juventus", ha evidenziato il numero dieci che poi spende parole d'elogio anche per gli altri 'bianconeri': "Li seguo sempre con un affetto speciale, e fino al 30 giugno sono oltretutto miei compagni di squadra. Dunque, per me giocano tutti benissimo".

Del Piero al momento è in vacanza negli Stati Uniti, ma ammette: "Adesso però ho bisogno del pallone. Mi sto allenando agli ordini dei miei preparatori atletici, qui in America, dove ho trascorso le vacanze con la mia famiglia: tanta palestra, piscina e corse sulla spiaggia. Il mio futuro? Ancora non ho deciso".

Sullo stesso argomento