thumbnail Ciao,
L'Europeo è un sogno e Buffon non vuol smettere di sognare proprio adesso: "Ora che siamo giunti fin qui dobbiamo osare e spingerci un po' più in là..."

L'Europeo è un sogno e Buffon non vuol smettere di sognare proprio adesso: "Ora che siamo giunti fin qui dobbiamo osare e spingerci un po' più in là..."

Getty Images

"Venire qui in Polonia e pensare di giocare una semifinale era impensabile, almeno nel pre-Europeo, ma ci abbiamo creduto e ci siamo riusciti", ha detto Buffon.

Gigi Buffon è fra gli Azzurri che ha già vissuto una vigilia come questa, con la Germania ad attendere la nazionale italiana nelle semifinali, questa volta dell'Europeo nel 2006 dei Mondiali. 6 anni fa fu l'Italia a prevalere ai supplementari, chi non ricorda quei goal di Grosso e Del Piero a una manciata di minuti dal termine?

Il portierone azzurro è fiducioso che anche la squadra di Prandelli possa fare lo sgambetto ai tedeschi, che arrivano a questo appuntamento con i favori del pronostico e, soprattutto, due giorni di riposo in più. Nei momenti difficili, però, gli azzurri hanno, storicamente, saputo dare il meglio di sé e con un lungo post pubblicato sul proprio profilo Facebook, sì perchè lui è fedele al social network creato da Mark Zuckerberg, mentre trova Twitter troppo 'stretto' coi soli 140 caratteri concessi per ogni tweet, Buffon ha voluto dare lo sprone a compagni e tifosi.

"Arriva un momento nella vita in cui non resta nient'altro da fare che intraprendere la propria strada e inseguire i propri sogni, questo è un dovere di ogni singolo individuo - ha scritto Buffon - Troppo spesso siamo assuefatti e intorpiditi dalla negatività che ci circonda, troppe volte siamo rassegnati ad un destino che gli altri ci vogliono assegnare, quasi sempre smettiamo di sognare una volta raggiunta l'età della maturità o una volta raggiunta una certa posizione e un lavoro che ci dà indipendenza ma non stimola la nostra fantasia e i nostri sensi".

"Io - ha proseguito l'estremo difensore azzurro - da bambino sognavo di diventare calciatore, da ragazzino sognavo di diventare il portiere della Nazionale e della Juventus, intorno ai 20 desideravo vincere lo Scudetto, quando sono arrivato a 25 la Champions League e il Mondiale, a 30 di rivincere lo scudetto con la Juve e l'Europeo... La maggior parte degli obbiettivi prefissi li ho raggiunti, anche se qualcosa ancora manca... non so se mai riuscirò a realizzarli, ma ho la ferma convinzione che l'unico modo per farlo sia quello di desiderarli, di viverli intensamente anche quando sembrano utopie... senza sogni non si vive, si sopravvive... senza sogni non sei il protagonista della tua vita ma sei solo una scolorita figura che ha accettato rassegnato la propria esistenza, senza squilli, senza sussulti, senza vita".

"Venire qui in Polonia e pensare di giocare una semifinale era impensabile, almeno nel pre-Europeo - conclude Buffon - ma ci abbiamo creduto, l'abbiamo voluto fortemente, l'abbiamo desiderato e ogni sacrificio è stato fatto nell'ottica di perseguire il nostro obbiettivo! Adesso l'ostacolo sembra insormontabile, probabilmente lo sarà, ma ora che siamo giunti sin qui dobbiamo osare a spingerci un po' più in là... verso il SOGNO... verso la FELICITA'... AVANTI ITALIA!!!!".

Il capitano azzurro ci crede, il sogno può essere raggiunto... e allora sognamo anche noi con lui e... avanti Italia!

Sullo stesso argomento