thumbnail Ciao,

Cassano è in gran forma: "Sono agli Europei per fare il protagonista. L'errore di Balo? Gli ho detto: 'Con il tiro che hai vai e spacca la porta'..."

Il numero 10 azzurro ha parole di stima anche per Totò Di Natale, in goal contro la Spagna: "Sono contento per lui, gli voglio bene, è il mio passatempo, lo chiamo 'il cecchino' ".

Per la Nazionale azzurra, in vista della gara contro la Croazia, ha parlato Antonio Cassano. Il numero 10 è parso in gran forma fisica e di spirito, con risposte e battute che non hanno deluso i giornalisti presenti. "Sono sincero: per il problema che ho avuto non pensavo di fare l'Europeo. Prima della gara con la Spagna ero emozionato, è vero. - ha ammesso - Avevo una grande ansia perché voglio fare il protagonista, non sono venuto all'Europeo per nulla".

Il discorso si è poi spostato su Balotelli. "L'errore di Mario? Sono attimi... - ha affermato - Lui voleva darmela, non si aspettava che Sergio Ramos recuperasse. Chiaro che dopo gli ho detto: 'Con il tiro che hai calcia e spacca la porta!' Con Mario ho un buon rapporto, mi hanno detto di fargli da tutor, vi rendete conto come siamo messi? E a me chi fa da tutor? L'intesa è buona, ma abbiamo giocato poco insieme e migliorerà di partita in partita".

Ottimo comunque anche il rapporto di Cassano con Di Natale. "Sono contento per Totò - ha detto - gli voglio bene, io lo chiamo 'il cecchino', gli dai mezzo pallone e fa goal. Sta nella camera accanto alla mia, è il mio passatempo in questi Europei".

Il numero 10 inserisce gli azzurri fra le candidate alla vittoria finale: "L'Italia è una delle favorite - ha sottolineato - Dopo la Russia però tutti hanno parlato di disastro. L'importante è andare avanti per la nostra strada, speriamo di arrivare il più lontano possibile".  Un rimpianto comunque Cassano ce l'ha: "L'unica cosa che mi dispiace è che non c'è Pepito Rossi. Lui è importantissimo, uno di quei 3-4 attaccanti che possono fare la differenza".

Cassano ha infine risposto in modo colorito a chi gli ha chiesto se è vero che in Nazionale ci siano due omossessuali non dichiarati. "Ci sono due froci in squadra? Son froci, problemi loro, mi auguro non ci siano gay in squadra".




Sullo stesso argomento