thumbnail Ciao,

"Mi è piaciuto molto, ha giocato bene. Ci ha regalato qualche spunto dei suoi. In pagella gli assegnerei un bell'otto".

Quando venne operato al cuore il 4 novembre scorso, in pochi potevano prevedere se Antonio Cassano sarebbe stato in grado o meno di partecipare a Euro 2012. Otto mesi dopo, Fantantonio è stato protagonista del match d'esordio degli Azzurri contro la Spagna con la maglia numero 10 sulle spalle.

La Gazzetta dello Sport, ha intervistato Mario Carminati, il primario di cardiologia pediatrica e cardiopatie congenite dell'adulto al Policlinico San Donato che operò Cassano: "Mi è piaciuto molto, ha giocato bene. Ci ha regalato qualche spunto dei suoi. In pagella gli assegnerei un bell'otto".

Il professor Carminati non aveva il minimo dubbio sul recupero di Cassano: "Sì, perché no? Sono molto contento. Non ha avuto nessun problema di cuore. Anzi, Antonio ha giocato col cuore".

Eppure erano in molti ad esser scettici su un ritorno ad alto livello di Fantantonio: "Qualche timore c'era ed era comprensibile che ci fosse, però sul piano fisico Antonio ha risposto benissimo. Si è mosso, ha corso. Forse gli mancano i 90 minuti, ma ci arriverà".

Il professor Carminati è tifoso dell'Inter, ammise la cosa al giocatore prima dell'intervento... "Sì, ma Antonio non si sconvolse. Gli spiegai che avrei fatto del mio meglio con lui e con chiunque, milanista o juventino o altro".

Sullo stesso argomento