thumbnail Ciao,
Balotelli si tiene lontano dai fuochi d'artificio, Ibra promette di tagliarsi il codino - Quali promesse per le stelle di Euro 2012?

Balotelli si tiene lontano dai fuochi d'artificio, Ibra promette di tagliarsi il codino - Quali promesse per le stelle di Euro 2012?

Getty Images

Gli ambasciatori Hyundai hanno fatto le loro promesse in vista di Euro 2012. Cosa dovrebbero promettere le altre stelle del grande calcio europeo?

Con Euro 2012 ormai alle porte, Hyundai ha svelato le promesse avanzate dai suoi ambasciatori nel calcio in vista del torneo in Polonia e Ucraina.
FAI LA TUA PROMESSA!
Per avere la chance di vincere due biglietti per i quarti di finale di Euro 2012, ti basta un 'Mi piace' alla pagina di Hyundai

Iker Casillas ha promesso di regalare i suoi guantoni ad un fan di Hyundai in caso di vittoria della Spagna, Podolski ha anticipato di essere pronto a mettere in mostra le sue abilità cestistiche con la Germania vittoriosa.

Daniel Sturridge si impegna a sfidare un fan di Hyundai ad una partita di tennis tavolo se l'Inghilterra dovesse trionfare, mentre Giuseppe Rossi assicura che pregherà ogni giorno e tiferà duramente per gli azzurri. Karim Benzema, semplicemente, porterà tutti i compagni a cena fuori se i Bleus dovessero vincere.

A questo proposito, Goal.com ha immaginato di quali promesse dovrebbero farsi portatori alcuni dei grandi campioni di Euro 2012. Prendi parte anche tu all'iniziativa cliccando su questo link.

Basta un semplice 'Mi piace' alla pagina di Hyundai e la condivisione della tua promessa per avere la chance di vincere due biglietti per un quarto di finale dell'Europeo in Polonia. Invia presto la tua promessa: il concorso termina il 30 maggio alle 23.59. (soggetto a termini e condizioni)

Ribery: Prometto di non prendere a schiaffi i miei compagni


Franck Ribery è stato di recente protagonista di un episodio controverso con Arjen Robben. Nell'intervallo della semifinale Champions con il Real, avrebbe schiaffeggiato il compagno in seguito ad un diverbio per un calcio piazzato.

Per lui sono arrivati una multa della società e i titoloni dei giornali, nonostante Heynckes avesse invocato, come sempre accade in questi casi, la legge del silenzio nello spogliatoio.

Ribery, ricordiamolo, venne sospeso per tre partite dalla federcalcio francese per il suo ruolo avuto in occasione della rivolta nei confronti di Domenech ai tempi della Coppa del Mondo 2010.

Rooney: Prometto di non essere più espulso


Wayne Rooney salterà le prime due partite dell'Inghilterra ad Euro 2012 dopo essere stato espulso in occasione dell'incontro con il Montenegro per il calcio rifilato a Dzudovic.

Non è stata la prima follia da rosso di Rooney con la maglia dell'Inghilterra. Tutti ricordano l'episodio molto simile che lo vide coinvolto nel 2006 al Mondiale tedesco con Ricardo Carvalho.

L'Inghilterra sarà sicuramente sotto la lente d'ingrandimento della critica, e non si potrà permettere di vedere ancora una volta perdere la testa la più grande delle sue stelle.

Robben: Prometto di esercitarmi sui rigori


E' stato un mese da incubo, quello ha trascorso di recente Arjen Robben. Prima l'errore dal dischetto nella partita decisiva per la Bundesliga contro il Borussia Dortmund, costato al Bayern il titolo.

Poi, soprattutto, il rigore sbagliato nella finale di Champions League contro il Chelsea, nei tempi supplementari, occasione unica per far scattare la festa all'Allianz Arena.

Non sono un caso i fischi che i tifosi del Bayern gli hanno riservato in occasione della recente amichevole con l'Olanda. All'Europeo Robben dovrà riscattarsi anche dall'errore clamoroso nella finale del Mondiale 2010.

Ibrahimovic: Prometto di tagliarmi la coda


Dopo aver sfoggiato varie acconciature nel corso della sua carriera, Zlatan Ibrahimovic quest'anno ha scelto di giocare con i capelli raccolti in un codino 'strano' da vedere su uno come lui.

Un'eventuale vittoria della Svezia all'Europeo darebbe senso a qualunque sacrificio: potrebbe essere l'occasione giusta per dare un taglio netto alla coda e cambiare ancora look.

Cristiano Ronaldo: Prometto di controllare le mie emozioni


Cristiano Ronaldo ha vinto titoli in Inghilterra e in Spagna, ha alzato al cielo la Champions League ed è stato premiato con il Pallone d'Oro, ma sembra non sia in grado di ripetersi a livello internazionale.

E' rimasto nella storia il pianto di un inconsolabile Ronaldo al termine della finale dell'Europeo 2004 tra Portogallo e Gracia, persa dinanzi al pubblico di casa.

I tifosi del Portogallo, in vista di Polonia e Ucraina, sperano che all'Europeo venga fuori soltanto il lato più duro di Cristiano Ronaldo, senza che versi una sola lacrima.

Balotelli: Prometto di stare lontano dai fuochi d'artificio


Mario Balotelli ne ha combinate tante, in Inghilterra. Una delle sue bravate più celebri di questa stagione risale allo scoros mese di ottobre, quando diede fuoco al suo bagno maneggiando fuochi d'artificio con amici.

Un caso che si chiuse con Supermario testimonial di una campagna contro l'uso improprio di oggetti pirotecnici e con il perdono (uno dei tanti) di Roberto Mancini.

Cesare Prandelli l'ha già specificato, all'Europeo non vorrà colpi di testa particolari da parte del giovane talento azzurro. Gli unici fuochi d'artificio ammessi sono quelli sul prato verde..

Ramos: Prometto di mantenere saldamente il trofeo


Sergio Ramos ormai si è abituato a festeggiare, considerati i trofei vinti in carriera con la maglia del Real Madrid e della nazionale spagnola.

Per questo motivo, ci si aspetta che uno come lui sia piuttosto abile nel maneggiare coppe e sollvarle al cielo. Niente di più sbagliato, ripensando a quanto accaduto dopo la Copa del Rey dello scorso anno.

Ramos fece cadere il trofeo giù dal bus scoperto, che finì per schiacciare la malcapitata coppa. Se la Spagna davvero punta al tris, il centrale del Real Madrid farebbe bene ad allenarsi in tal senso...

 Lahm: Prometto di non scrivere un libro su Euro 2012


Philipp Lahm ha collezionato finora 85 presenze con la maglia della nazionale tedesca, ma non è ancora riuscito a vincere nulla su scena internazionale.

Recentemente il capitano del Bayern ha presentato la propria autobiografia in cui critica apertamente alcuni dei suoi ex allenatori, in primis Rudi Voller, responsabile del disastroso Euro 2004.

Con la Germania grande favorita assieme alla Spagna per la vittoria finale, Joachim Low spera di non ritrovarsi nel prossimo libro prodotto dal terzino del club bavarese.

  Agger: Prometto di farmi un altro tatuaggio


Gli amanti del tatuaggi apprezzeranno lo stile scelto da Daniel Agger lungo il suo corpo. Il capitano della Danimarca è un vero e proprio murales vivente.

La sua Danimarca riuscì a stupire l'intero continente nel torneo del 1992, e il 27enne difensore del Liverpool spera di poter scrivere un'altra pagina di storia.

Nel caso dovesse arrivare uno storico successo, naturalmente sarà solo una la cosa da fare: trovare un po' di spazio per il prossimo tatuaggio.