thumbnail Ciao,

Giovanni Trapattoni terrà fede, il prossimo 28 aprile, al 'voto' fatto qualora l'Irlanda si fosse qualificata ai prossimi Europei. Ora è venuto il momento di onorare la promessa.

Giovanni Trapattoni non finirà mai di stupirci. Lui, nato il 17 Marzo, proprio il giorno di San Patrizio, aveva promesso un pellegrinaggio a Croagh Patrick - 'The Reek', la montagna sacra agli irlandesi - qualora l'Irlanda si fosse qualificata ad Euro 2012. Detto, fatto. Il 28 aprile il Trap, assieme al vice Marco Tardelli, terrà fede alla sua promessa, per di più onorando un'iniziativa a scopo benefico.

Nell'occasione, infatti, saranno tutti vestiti di verde e ciascun partecipante è chiamato ad una donazione di almeno 20 euro per supportare le cinque principali associazioni del luogo, nella contea di Mayo. Il pellegrinaggio partirà alle ore 12.00 del 28 aprile: Trapattoni si è detto entusiasta.

"Non vedo l'ora di tornare a Croagh Patrick. E' un posto molto speciale, e spero che questa visita ci porterà un pò di fortuna prima di partire per Euro 2012 quest'estate". Sempre scaramantico il Trap, che ha riportato l'Irlanda agli Europei dopo ben 24 anni.

All'evento saranno presenti alcuni personaggi di spicco irlandesi, come il presidente della FAI (Football Association of Ireland) John Delaney e dil capo del governo Enda Kenny, che ha dichiarato: "Vorrei ringraziare Giovanni Trapattoni per essersi unito a noi. Auguro a lui e a tutta la squadra le migliori fortune durante il loro viaggio in Polonia e Ucraina questa estate. Hanno l'opportunità di rendere grande la nazione".

Il Trap si può quindi ritenere soddisfatto della sua avventura irlandese, anche perchè la Federcalcio locale sta per offrirgli un nuovo contratto fino al 2014; a breve l'incontro decisivo. Magari quest'estate, al posto dell'acqua santa, il Trap si porterà la coroncina di San Patrizio...

Sullo stesso argomento