thumbnail Ciao,

L'ex dirigente bianconero in primo grado era stato condannato a tre anni di reclusione. Assolti l'ex presidente dell'Aia Tullio Lanese e gli ex arbitri Pieri e Dondarini

La IV sezione della Corte di Appello di Napoli ha deciso di condannare l'ex amministratore delegato della Juventus Antonio Giraudo a un anno e otto mesi per associazione a delinquere e frode sportiva. L'ex dirigente bianconero era stato condannato in primo grado a tre anni di reclusione.

L'episodio di frode sportiva è relativo esclusivamente alla gara Juventus-Udinese del 3 febbraio 2005, terminata 2-1. Giraudo è stato invece assolto da altri due capi di imputazione relativi entrambi a presunte frodi sportive. Tutte le assoluzioni sono state disposte in base al secondo comma dell'articolo 530 ovvero per insufficienza di prove. Dichiarata anche la sospensione della pena.

"Al di la' delle due assoluzioni ottenute, siamo molto delusi e sorpresi dalla decisione odierna. Non ci aspettavamo questo epilogo. Aspettiamo il deposito delle motivazioni della sentenza e certamente ricorreremo in Cassazione", il commento a caldo dei legali di Giraudo, gli avvocati Massimo Krogh e Michele Galasso.

La Corte ha inoltre ritenuto di respingere la richiesta del procuratore generale Carmine Esposito di rivedere la posizione di altri imputati assolti in primo grado. Sono stati assolti invece l'ex presidente dell'Aia Tullio Lanese e gli ex arbitri Tiziano Pieri e Paolo Dondarini che erano stati condannati in primo grado dal gup con rito abbreviato.


Sullo stesso argomento