thumbnail Ciao,

A gennaio 2009, secondo l'accusa, durante una trasmissione televisiva definì il tenente colonnello dei carabinieri Auricchio "un ufficiale che ha mentito sapendo di mentire".

Rinvio a giudizio per Luciano Moggi. L'ex direttore generale della Juventus, secondo l'accusa, diffamò il tenente colonnello dei carabinieri Attilio Auricchio, colui che indagò su Calciopoli. L'episodio risale al 14 gennaio 2009 e si verificò durante la trasmissione televisiva 'Porta a Porta'.

In quella circostanza Moggi, che sarà processato il 17 luglio 2013 dal giudice monocratico Aurore Cantillo ed è difeso dagli avvocati Marcello e Matteo Melandri, durante la messa in onda definì Auricchio (il quale non era presente in studio) "un ufficiale dei carabinieri che ha mentito sapendo di mentire".

Il rinvio a giudizio dell'ex dirigente è stato stabilito dal Gup di Roma Cinzia Parasporo accogliendo la richiesta del pm Antonio Calaresu. Il tenente colonnello Auricchio si è costituito parte civile con l'avvocato Diego Perugini e chiede un risarcimento danni di centomila euro.

Sullo stesso argomento