thumbnail Ciao,

Intervenuto a 'Radio 2', l'ex dg bianconero ha affermato: "Non sarà un milione di euro, ma molto di più. Questo è spionaggio industriale. E pedinavano anche i nostri osservatori".

Ormai non è esagerato utilizzare il termine "guerra". Va avanti da più di sei anni, d'altronde, senza esclusione di colpi. Juventus contro Inter, Luciano Moggi contro Massimo Moratti. Ora, l'ex dg della società bianconera è intenzionato a chiedere un risarcimento milionario al presidente nerazzurro per i pedinamenti ai suoi danni.

Moggi lo ha confessato stamattina ai microfoni di 'Radio 2': "Sarà un mega risarcimento. Un milione di euro? No, molto di più". Ha poi aggiunto: "La verità sta pian piano venendo a galla. Io avevo parlato di spionaggio industriale, perché sono stati seguiti i nostri percorsi commerciali e sportivi".

"Il caso Brambati evidenzia un'altra cosa importante - ha continuato Moggi - e cioè che l'Inter e la Telecom controllavano anche i nostri osservatori. Ed era Moratti a commissionare ogni pedinamento, secondo le stesse confessioni delle persone coinvolte".

L'ennesimo episodio, insomma, della saga Juventus-Inter. Va avanti dal 2006, continuerà presumibilmente ancora per molto tempo. Intanto, non resta che capire se Moggi riuscirà a portare avanti la propria causa milionaria nei confronti di Massimo Moratti, il suo nemico numero 1.

Sullo stesso argomento