thumbnail Ciao,

Giuliano Tavaroli, ex n.1 della security di Telecom e Pirelli, ha ammesso, nell'ambito del processo sui dossier illegali, di aver spiato Luciano Moggi.

Sì, ho spiato Moggi. Ad ammetterlo, Giuliano Tavaroli, ex capo della security di Telecom e Pirelli, ascoltato al processo sui dossier illegali come testimone. Questi ha confermato di aver esercitato, per conto dell'Inter, attività di spionaggio ai danni dell'ex direttore generale della Juventus Luciano Moggi, oltre che dell'ex arbitro Massimo De Santis.

"I report furono consegnati integralmente a Giacinto Facchetti, allora vicepresidente nerazzurro", ha aggiunto Tavaroli, che ha spiegato di non ricordare se, tra i suoi 'obiettivi', ci fosse stato pure Antonio Giraudo, ex amministratore delegato della Juve.

Su Moggi, stando alla deposizione, sarebbe stato l'ex dirigente Telecom (morto suicida) Adamo Bove a fare "l'analisi del traffico telefonico". Secondo Tavaroli, si trattava di un'attività "finalizzata a confermare dichiarazioni che l'Inter aveva ricevuto da un arbitro su possibili frodi fiscali". Sui risultati del dossieraggio, lui stesso ebbe "un incontro col dottor Facchetti. Non so se Facchetti poi riferì a Moratti...".

Sullo stesso argomento