thumbnail Ciao,

Peter Lim, che recentemente si era visto rifiutare un'offerta di 300 milioni di euro per l'acquisizione del 51% del pacchetto azionario del Milan, ha rilanciato con un'offerta b...

L'era Silvio Berlusconi dura ormai da 28 anni al Milan e presto potrebbe arrivare alla fine. Come per l'Inter, acquisita da Erick Thohir, anche per il club rossonero sembrerebbe prossima la cessione ad un magnate che arriva dall'Estremo Oriente.

Recentemente l'ad rossonero per l'area commerciale, Barbara Berlusconi, è stata negli Emirati Arabi per intavolare trattative con diversi imprenditori per instaurare nuovi accordi commerciali e cercare fondi per lo stadio di proprietà. E nell'occasione sono stati avviati anche dei contatti coi rappresentanti del magnate Zong Quinghou, il secondo uomo più ricco della Cina, in passato vicino al Liverpool, che parrebbe interessato all'acquisizione del Milan.

Ma la notizia che fa più scalpore oggi è la nuova proposta fatta invece dal miliardario di Singapore Peter Lim. Il Milan aveva già rifiutato una sua offerta di 300 milioni di euro per l'acquisizione del 51% del pacchetto azionario rossonero, offerta che Barbara Berlusconi aveva sentenziato bastasse al più per il 30%. Ora, però, secondo quanto riferisce la 'Gazzetta dello Sport', Lim avrebbe portato la sua proposta a ben 500 milioni di euro per il 51% del club.

A corredo del pacchetto economico, poi, Lim sarebbe anche disposto, come fatto pure da Thohir all'Inter, a dare garanzie di continuità nel passaggio di consegne, lasciando ad esempio a Berlusconi la presidenza del club e confermando Galliani quale amministratore delegato. Una linea che piace e dà tranquillità ai rossoneri.

Difficile che si possano registrare presto sviluppi significativi, nonostante il tam-tam delle ultime ore secondo cui Berlusconi sarebbe pronto a dare un annuncio importante che esuli dalla sfera politica. In casa Milan si valuta, si ragiona, con le diverse anime della famiglia Berlusconi a tirare acqua al proprio mulino, ma tutte consapevoli di non essere più in grado di competere con gli investitori stranieri.

Spira vento d'oriente su Milano, anche quella rossonera...

Get Adobe Flash player

 

Sullo stesso argomento