thumbnail Ciao,

A gennaio è atteso l'arrivo di Honda, che nelle idee del Milan andrà ad affiancare Kakà alle spalle di Balotelli nel 4-3-2-1. E con Rami in difesa il Diavolo può cambiar volto...

Nell'analizzare la vittoria di Glasgow abbiamo elogiato l'innovazione tattica di Allegri, dal 4-3-1-2 al 4-3-2-1: sembra un cambiamento da nulla, in realtà è ben più sostanziale. In una squadra che fatica a chiudere gli spazi, controllare le folate offensive avversarie, creare filtro in mezzo, togliere una punta e inserire un centrocampista (camuffato da trequartista) in più, significa assicurare certamente maggiore equilibrio. In più, Balotelli da unica punta rende molto di più e difendere più compatti consente a Kakà di avere più campo davanti per le sue accelerazioni spacca-difese avversarie.

Se n'è accorto anche Galliani: “Ho rivisto l’alberello che tanti successi ci ha portato, mi sono goduto una squadra super, con un Kakà meraviglioso. Stasera ha fatto veramente bene Balotelli: io comunque stravedo per lui, quindi sono di parte e non commento le partite quando gioca male. Oggi ha fatto molto bene, con grande volontà e grande determinazione e poi avere alle spalle Kakà, in quella posizione, secondo me gli farà molto bene”.

Kakà e Honda dietro Balotelli: dipende dalla disponibilità
al sacrificio del giapponese
Una chiara indicazione ad Allegri che, forse, non ne ha bisogno: “Abbiamo già giocato in questo modo l'anno scorso, quando El Shaarawy andava a comporre il tridente: Stephan partiva un po' più largo a sinistra, ma il concetto è quello”. Non è esattamente così, perché El92 non ti garantisce la copertura che ti assicura Birsa, né il suo dinamismo, né la sua intelligenza tattica. Lo sloveno, come dicevamo, copre le spalle a Kakà e fa il lavoro sporco che Balotelli non ha voglia di sobbarcarsi e il brasiliano è meglio che non si sobbarchi perché serve fresco quando c'è da ripartire. Dunque, un albero di Natale da riproporre prima e dopo le feste.

Anche su questo Galliani concorda: “Qualche ideuzza su come giocare da gennaio in poi ce l’abbiamo”, ha detto alludendo ai nuovi acquisti. Chiaro il riferimento ad Honda, atteso a Milanello proprio a gennaio. Dunque, l'idea è quella di riproporre i due trequartisti alle spalle di Balotelli: Kakà e, appunto, il giapponese. E' un'idea che ci sta, ma quanto realizzabile dipende essenzialmente dalla disponibilità al sacrificio dell'ormai quasi ex del CSKA. Perché Allegri rinuncia ad una punta per aumentare la densità a centrocampo, schermare la difesa e assicurare maggiore equilibrio. Ad Honda non manca il dinamismo, bisognerà vedere se avrà voglia di metterlo al servizio della squadra.

Con Rami in difesa e Honda d'avanti, il Milan potrebbe realmente cambiare faccia. Ovviamente, tutto dipenderà dalla capacità e soprattutto dalla velocità d'ambientamento dei due nuovi innesti e dal contributo che saranno in gradi di offrire.

Avere Kakà alle spalle farà bene a Balotelli, qualche ideuzza su come giocare da gennaio in poi ce l’abbiamo
 
- Adriano Galliani

Sulla carta, aumentano il livello di una rosa non eccelsa, soprattutto in difesa e in mezzo. In mezzo, appunto, dove forse servirebbe ancora uno sforzo per aumentare la qualità tecnica e la visione di gioco. Poi, volendo proprio esagerare, un laterale sinistro andrebbe a colmare una lacuna che né Constant prima, né Emanuelson poi, sono riusciti a coprire. Resta da capire, però, quale sarà il budget a disposizione di Galliani. O chi per lui.

Sullo stesso argomento